Pantaloni da escursionismo per l'inverno | Trekking.it

Pantaloni da escursionismo per l’inverno

0

Vi abbiamo già parlato in altri articoli dei pantaloni da escursionismo. Qui ci focalizzeremo sul comparto dei pantaloni invernali (quelli più adatti all’escursionismo in ambiente innevato) e sulle loro specifiche caratteristiche.

Un primo requisito è ovviamente quello della termicità. Nel corso di un’attività che si svolge spesso con temperature prossime, se non inferiori, allo zero, è importante riuscire a tenere anche la parte inferiore del corpo in una condizione di comfort termico, per consentire alla muscolatura e al metabolismo di lavorare al meglio.

Questo non vuol dire che dobbiamo infilarci in uno scafandro da palombaro: i pantaloni imbottiti come quelli che si utilizzano per lo sci da discesa, sono sicuramente caldi, ma mancano della traspirabilità necessaria per un’attività aerobica intensa come quella dell’escursionismo e anche la vestibilità il più delle volte non è ideale per la tipologia di movimenti e situazioni che si verificano durante un’escursione.

Ph Michele Dalla Palma

Anche per l’abbigliamento della parte inferiore del corpo, dunque, è meglio restare fedeli alla “regola” della cipolla, indossando un intimo tecnico a calzamaglia come primo strato e, sopra questo, pantaloni da trekking non imbottiti, ma realizzati con un tessuto traspirante, antivento e idrorepellente.

A proposito di quest’ultima qualità: i pantaloni da trekking che utilizziamo per le escursioni sulla neve non hanno bisogno di essere completamente impermeabili. La neve non bagna quanto la pioggia e pantaloni con buone caratteristiche di idrorepellenza sono sufficienti per mantenerci asciutti. Inoltre, mentre i gusci impermeabili sono per lo più “rigidi”, i tessuti idrorepellenti possono anche essere elasticizzati, assecondando molto meglio il movimento durante la camminata.

È bene che i calzoni invernali da escursionismo siano equipaggiati nella parte inferiore di ghettine integrate e dotate di gancio per fissarle agli scarponi. Questo accorgimento, sebbene non possa sostituire in toto l’utilizzo delle ghette vere e proprie, indispensabili quando si affronta una lunga escursione in neve fresca molto profonda oppure con neve bagnata, si può rivelare molto utile per evitare che la neve si insinui sotto i pantaloni, penetrando negli scarponi e bagnando i piedi.

Utilissimi sono gli inserti in tessuto rinforzato posti in fondo ai pantaloni, per proteggere le gambe dell’escursionista dalle ferite e dagli strappi che si possono verificare quando si utilizzano i ramponi.

Anche la parte superiore dei pantaloni richiede accorgimenti particolari. Quando ci si muove con indosso vari strati di vestiario, l’ultima cosa che si desidera e doversi fermare ogni quattro o cinque passi a “tirare su” i calzoni. Quindi, al momento dell’acquisto, occorre valutare bene la vestibilità al bacino dei calzoni che stiamo scegliendo, magari privilegiando quelli predisposti per l’alloggiamento di una cintura o con cintura già integrata, oppure ancora con bretelle elasticizzate.

È bene, infine, che i pantaloni invernali siano dotati di varie tasche, anche capienti, dove poter riporre i guanti o il berretto, ma è fondamentale che tutte queste tasche siano dotate di zip di chiusura, per evitare che la neve vi penetri per poi sciogliersi a contatto con il calore del corpo.

 

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento