Quale fotocamera in montagna: Reflex o Mirrorless ?

Se la fotocamera è uno strumento per ottenere delle immagini, ad oggi, oltre alle compatte, alle bridge, alle telemetro e alle reflex, si sono aggiunti gli smartphone e, soprattutto, le mirrorless.

Tralasciando l’argomento fotocellulare, del quale vi parlerò, a breve, in maniera più approfondita (eh si parlerò anche di quello), mi soffermo sul sempre più atroce dubbio di foto- escursionisti, trekker e alpinisti: REFLEX O MIRRORLESS ? Ovviamente non si tratta di un test tecnico e analitico, ma di alcuni ragionamenti più personali, maturati in esperienze recenti.

Personalmente, da diversi anni, sono abituato a scattare con la reflex, un pesante corredo Nikon, comprensivo di tutto ciò che serve per ogni genere fotografico di montagna, dal paesaggio, alla macro, alla foto panoramica, agli scatti di animali. Ovviamente le varie ottiche vengono selezionate di volta in volta, a seconda del genere fotografico da affrontare. Personalmente ritengo che la reflex rimanga lo strumento fotografico d’elezione, il migliore e il più versatile per chi scatta in montagna. Le Mirrorless sono macchine fotografiche di qualità, molto più leggere e poco ingombranti, per la maggior parte, dotate di ottiche intercambiabili. Muovendosi in montagna, magari per escursioni o ascensioni impegnative, il minor peso, sicuramente, può fare la differenza.

Il corso di un torrente, con effeto mosso dell'acqua, ottenuto con l'utilizzo di filtri ND. Il controluce pieno e il riflesso dell'acqua mettono in crisi i mirini elettronici di alcune mirrorless.

Il corso di un torrente, con effeto mosso dell’acqua, ottenuto con l’utilizzo di filtri ND. Il controluce pieno e il riflesso dell’acqua mettono in crisi i mirini elettronici di alcune mirrorless.

Una reflex professionale può pesare tranquillamente anche 1,5 kg, solo corpo. In media, possiamo dire che il peso di una fotocamera con sensore di formato FX sia di circa 800, 900 grammi, ai quali si devono, ovviamente, aggiungere peso e ingombro delle ottiche. Una mirrorless, di qualità e già di per sé pesante, come la mia Fuji X E 1, pesa circa 350 grammi, solo corpo, per un ingombro di  129 x 75 x 38 mm.

Si deve poi aggiungere il peso delle ottiche, ma il concetto di base non cambia: ovvero leggerezza e maneggevolezza rimangono la caratteristica migliore di queste fotocamere. Tra l’altro il sensore Fuji è decisamente grande, ovvero è un formato DX, come quello delle reflex aps-c. Durante un lungo trekking, come “AsinarLeAlpi 2013“, 160 km a piedi con gli asini dal Bianco al Rosa, una mirrorless, leggera, ma performante, sarebbe stata la scelta migliore. Esistono anche mirrorless più leggere, ma hanno un sensore rispettivamente più piccolo, a volte troppo piccolo affinchè possano reggere il confronto con una reflex.

La Roisettaz, in Valtournenche. In una giornata di brutto tempo, a volte si scatta poco o nulla. Ci sono momenti, però, in cui il diradarsi delle nubi può creare effetti interessanti. Avendo una maneggevole mirrorless nello zaino, è un sicuro vantaggio.....

La Roisettaz, in Valtournenche. In una giornata di brutto tempo, a volte si scatta poco o nulla e si preferisce lasciare la reflex a casa. Ci sono momenti, però, in cui il diradarsi delle nubi può creare effetti interessanti. Una maneggevole mirrorless nello zaino, pesa pochissimo e consente di non perdere l’attimo. Fuji XE 1; Fuji 55-200 3,5 / 4,8.

Ovvio, invece, che confrontando la qualità di sensori delle stesse dimensioni, dal punto di vista qualitativo, il risultato è lo stesso, o meglio non dipende certo dalla presenza dello specchio o meno. Il mirino, a mio avviso, rimane ancora notevolmente ad appannaggio della reflex, ove lo specchio, vince ancora sul mirino elettronico. E’ più chiaro, luminoso e nitido.

E’ anche vero che i modelli più recenti di mirrorless sono migliorati parecchio anche da questo punto di vista, soprattutto nella resa in esterni e in controluce, quando i primi modelli soffrivano un pò in queste condizioni. In definitiva, confrontando mirrorless di qualità, con reflex di qualità, con sensore delle stesse dimensioni e con ottiche valide, diventa veramente difficile, quasi impossibile, notare differenze dal punto di vista prettamente qualitativo, per lo meno per quello che riguarda l’immagine in sé stessa.

Notevoli sono, invece, le differenze di impostazione, il peso e l’ingombro e l’uso che si intende fare della fotocamera, magari valutando anche il tempo che si intende dedicare alla fotografia, durante un’escursione. Per una scalata o un trekking impegnativo, potersi muovere più agevolmente diviene un vantaggio determinante, o quasi. Per ambiti della fotografia più specialistici, come la macro, gli animali o comunque per tutte le sessioni fotografiche ove la parte dedicata all’immagine è preminente rispetto all’escursione, la reflex rimane lo strumento più versatile.

Un cervo maschio fotografato con la reflex e con un teleobiettivo zoom regolato a 400 mm. Nikon D 300; Nikkor Vr 80 -400 4,5 / 5,6. Se avessi usato una fotocamera mirrorless, con un sensore di dimesioni analogo a quello dx della reflex di cui sopra, avrei avuto necessità di utilizzare comunque una focale lunga 400 mm, quindi non proprio leggera.

Un cervo maschio fotografato con la reflex e con un teleobiettivo zoom regolato a 400 mm. Nikon D 300; Nikkor Vr 80 -400 4,5 / 5,6. Se avessi usato una fotocamera mirrorless, con un sensore di dimensioni analogo a quello dx della reflex di cui sopra, avrei avuto necessità di utilizzare comunque una focale lunga 400 mm, quindi non proprio leggera. Il vantaggio della leggerezza, quindi, in casi come questi non sarebbe così evidente.

 

ALTRE CONSIDERAZIONI SULLE MIRRORLESS

In cima con la Fuji XE 1

FUJIFILM GFX 50S  

Questa Fuji è una mirrorless un pò particolare, una medio formato vera e propria.

Maggiori info: http://fujifilm-x.com/it/cameras/gfx-50s/

 

Cesare Re, fotografo e autore

www.recesare.com

www.fotopercorsi.com

 

51
2 Comments
  • Hammer of Thor
    agosto 23, 2017

    Quale fotocamera mirrorless scegliere tra quelle in commercio, scegliendo tra diverse fasce di prezzo dai 250 euro in su?

    • Cesare Re
      agosto 24, 2017

      Ciao. Diciamo che ci sono parecchi sistemi mirrorless. Personalmente uso Fuji, da un pò. La fascia di prezzo che mi indichi è piuttosto estesa. Dai 250 euro in su…Anche Olympus produce ottime fotocamere. La prima domanda da porsi è se ti serve una camera con ottiche intercambiabili o no. La caratteristica che privilegi è, la leggerezza o le dimensioni del sensore ? Per esempio la Olympus OM D E M 10 II è piuttosto interessante. Piccola, leggera, ottiche intercambiabili, ecc. Se ti serve leggerissima, il sistema Nikon 1 è tra i più compatti ed ha ottiche intercambiabili. Anche le LUMIX di Panasonic sono ottime fotocamere. Se hai domande più specifiche, sono qui. Ciao

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *