Anello del Monte Caio | Trekking.it

Anello del Monte Caio

0
REGIONE
Emilia Romagna
COME ARRIVARE
Prendere SP Modena-Sassuolo, da Sassuolo per SP467 fino a Scandiano e sulla SP37 fino ad Albinea. Direzione S. Polo d’Enza sulla SP21 che diventa SP23 da Montecavolo. Da San Polo d’Enza per Traversetolo e Langhirano e su SP665R direzione Tizzano Val Parma. A Boschetto direzione Tizzano Val Parma fino a Schia. Arrivo parcheggio impianti di risalita del Monte Caio.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Stazione di arrivo degli impianti di risalita di Schia
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
750 metri a salire, 750 metri a scendere
LOCALITÀ DI ARRIVO
Stazione di arrivo degli impianti di risalita di Schia
TEMPO DI PERCORRENZA
6 ore
DIFFICOLTÀ
E

Il monte Caio è una vetta dell’appennino parmense situata nel comune di Tizzano Val Parma. Culmina con la punta Bocchialini a quota 1.584 metri. Vi sono molti punti panoramici e sentieri suggestivi per il trekking a piedi, a cavallo o con le mountain bike, tra cui spicca la pista per Downhill MTB realizzata nel 2008. Sulle sue pendici, a quota 1.250 m, si trova la stazione sciistica di Schia, dotata di tre impianti di risalita, tra cui una nuova (2008) seggiovia biposto, che vanno a servire circa 15 km di piste.©ENRICO BOTTINO_046 copia

Dal parcheggio degli impianti di Schia imboccare il sentiero nr 737 che dopo una salita di circa 200 metri di dislivello porta al Corno di Caneto. Si segue il sentiero in direzione di Monte Caio godendo della splendida veduta sul crinale dell’Appennino Parmense e passando sotto la cima del monte. Si prosegue sempre sul sentiero nr 737 fino all’Eremo di San Matteo per raggiungere infine la vetta del Monte Caio (m 1584). Si prosegue lungo la traccia contrassegnata dal segnavia nr 753a fino al “Grande Faggio” da dove, con una leggera salita, si coprono i 250 metri di dislivello che consentono di ricongiungersi al sentiero nr 737 presso la stazione di arrivo degli impianti di risalita di Schia, da dove si ritorna alle auto.

 

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Enrico Bottino e Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-emiliano

Anello del Monte Caio

43028 Schia PR, Italia


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento