Aquilano: i Piani di Pezza e il rifugio Sebastiani | Trekking.it

Aquilano: i Piani di Pezza e il rifugio Sebastiani

Categorie: Senza categoria
0
REGIONE
Abruzzo
COME ARRIVARE
In auto: da L’Aquila, SS5bis direzione Celano fino a Rocca di Mezzo, poi imboccare Via di Pezza fino a raggiungere i Piani.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Piani di Pezza
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
630 metri a salire
LOCALITÀ DI ARRIVO
Rifugio Sebastiani
TEMPO DI PERCORRENZA
3.30 ore
DIFFICOLTÀ
T

Sul versante nord del Velino, Rocca di Mezzo è un paese medievale che sorge a 1.300 metri d’altezza nel cuore dell’Altopiano delle Rocche.

Dal centro storico di Rocca di Mezzo si possono raggiungere i Piani di Pezza, un grande pianoro erboso di origine carsica, circondato da faggi secolari. Piani di Pezza è un punto panoramico dei più belli verso il gruppo del Velino e la Piana di Campo Felice.

Parcheggiata l’auto si continua su una strada bianca che presto diventa un sentiero da seguire con i segnavia bianco-rosso indicati dal numero 1.

Girando a destra si entra in un bosco dove il sentiero sale dolcemente.

Campo Felice (Shutterstock / Cristina Annibali)

A circa un’ora di cammino si imbocca un sentiero sulla destra indicato con il numero 1A, proseguendo fino all’uscita dal bosco. Si scorge quindi Capo Pezza e si transita sotto la Cimata del Puzzillo.

Sul sentiero che si fa più ripido, si sale lungo stretti tornanti fino alla Cimata di Pezza. Proseguendo sulla cresta si raggiunge il Rifugio Vincenzo Sebastiani. Siamo nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Marco Carlone

Aquilano: i Piani di Pezza e il rifugio Sebastiani

Piani Di Pezza, 67048 Rocca di Mezzo, Province of L\\\'Aquila, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento