Cicloturismo: il Naviglio Martesana

Cicloturismo: il Naviglio Martesana

0
REGIONE
Lombardia
COME ARRIVARE
In auto. A4 uscita Trezzo sull’Adda. In treno. Servizio Treno + bici di Trenitalia, linea Milano Brescia, fermata Cassano d’Adda, oppure Metropolitana linea nr 2 di Milano fino a Gessate a 9 chilometri da Trezzo, raggiungibile poi in bici su strade comunali.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Concesa, frazione di Trezzo sull’Adda (m 187)
TIPOLOGIA ITINERARIO
cicloturismo
DISLIVELLO
trascurabile
LUNGHEZZA DEL PERSCORSO
35 chilometri
LOCALITÀ DI ARRIVO
Milano, zona Darsena (m 122)
TEMPO DI PERCORRENZA
mezza giornata
DIFFICOLTÀ
Facile
FONDO STRADALE
misto

Il più corto dei Navigli, detto il Piccolo, scorre per circa 35 chilometri, da Trezzo sull’Adda a Milano. L’attuale nome, Martesana, sembrerebbe derivare dall’antica famiglia Martecia. 

Così come il “Grande”, anche il “Piccolo”, oggi, rivive il suo periodo magico, quello della navigazione, ora solo turistica e non commerciale, un modo di svago ed evasione dalla grande città di Milano, verso la campagna del milanese e del bergamasco.

Si inizia da Trezzo sull’Adda, dal Santuario di Concesa, nel tratto in cui la Martesana nasce dall’Adda e scorre parallelamente al fiume sino a Cassano d’Adda. Una parte di questo territorio è protetto dal Parco Adda Nord. Si pedala sull’agevole alzaia sterrata in vista delle strutture del Villaggio Operaio di Crespi d’Adda, sulla sinistra, raggiungibile tramite un ponticello.

il tipico ambiente rurale dei Navigli, con la pista ciclabil

il tipico ambiente rurale dei Navigli, con la pista ciclabil

 

Con sguardi sul corso dell’Adda e passando tra alcuni vecchi edifici si giunge al ponte tra Vaprio e Canonica, con bella vista sul fiume e sulla villa Melzi d’Eril, del XV secolo. Poco dopo si trova la villa Visconti di Modrone, del XVIII secolo. Si pedala sullo sterrato sino alla diga di Sant’Anna e alla confluenza del Villoresi che si getta nella Martesana. Si ammira poi la ruota idraulica di Groppallo (11 metri di diametro) nei pressi del ponte. Giunti a Cassano d’Adda si nota “la Volta”, il punto in cui il Naviglio devia verso Milano. Il paese è anche attraversato dal Canale Muzza che offre scorci pittoreschi. Si continua sino ad Inzago, con le belle ville Rey, Visconi e Vitali Aitelli. Si pedala tra le zone agricole, alimentate dalle acque della Martesana.

Proseguendo sino a Gorgonzola, si nota la chiesa parrocchiale dell’Ottocento. La cittadina è attraversata da vari canali, con parapetti e un peculiare ponte coperto in legno che congiunge due abitazioni. Si supera Cassina de Pecchi, per arrivare a Cernusco sul Naviglio, con la villa Alari Visconti, del Settecento, e il Santuario di S. Maria. Da Vimodrone si procede a Cologno Monzese, sino a Milano, zona Crescenzago, sempre sull’alzaia. Si passa sotto ad alcuni ponti ferroviari, sino a Cascina de’ Pomi per giungere tra Melchiorre Gioia e Via De Marchi, ove il Naviglio Martesana viene inghiottito sotto le strade trafficate del capoluogo lombardo.

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Cesare Re - www.fotopercorsi.it

Cicloturismo: il Naviglio Martesana

Trezzano sul Naviglio, Metropolitan City of Milan, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento