Da Punta Indren a Punta Gnifetti: i ghiacciai del Monte Rosa | Trekking.it

Da Punta Indren a Punta Gnifetti: i ghiacciai del Monte Rosa

0
REGIONE
Valle d'Aosta
COME ARRIVARE
In auto: Autostrada A5 fino a Pont-Saint-Martin, poi girare a destra in direzione della Valle di Gressoney; continuare su SR 44: attraversare Fontainemore, Gressoney-Saint-Jean, per giungere infine a Gressoney-la-Trinité.
PERIODO CONSIGLIATO
Da giugno a settembre
LOCALITÀ DI PARTENZA
Gressoney-la-Trinité (m 1635)
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
1° giorno: 370 metri da Punta Indren (stazione di arrivo dei nuovi impianti) al rifugio Capanna Gnifetti
2° giorno salita: 920 metri da Capanna Gnifetti a Punta Gnifetti
2° giorno discesa: 1300 da Punta Gnifetti a Punta Indren
LOCALITÀ DI ARRIVO
Punta Gnifetti (m 4552)
TEMPO DI PERCORRENZA
1° giorno: 1.30 ore da Punta Indren (quota 3278, stazione di arrivo dei nuovi impianti) al rifugio Capanna Gnifetti 2° giorno salita: 4 - 5 ore da Capanna Gnifetti a Punta Gnifetti 2° giorno discesa: 4 ore da Punta Gnifetti a Punta Indren
DIFFICOLTÀ
Facile

Due giorni per escursionisti allenati sul versante valdostano del Monte Rosa, tra i ghiacciai di Indren, Lys e Lyskamm.

L’escursione parte già in alta quota: si prende l’ovovia a Gressoney-la-Trinité e si scende a quota 3000 a Punta Indren. A questo punto si attraversa il ghiacciaio di Indren in forte regresso e, con percorso ad arco ci si porta alla base dello sperone che vi affonda.

Per tracce di sentiero alternate a tratti attrezzati con canaponi e scalini, si sbuca sul pianoro soprastante, da dove è ben visibile la Capanna Gnifetti, che si raggiunge attraversando il piccolo ghiacciaio del Garstelet.

La scalata alla Punta Gnifetti

La scalata alla Punta Gnifetti: Lyskamm e il Cervino sullo sfondo

Il secondo giorno si riparte di prima mattina subito sul ghiacciaio del Lys. Il pendio si presenta a tratti pendente e caratterizzato da ampi crepacci superabili grazie a ponti di neve. Si raggiunge così la seraccata della Piramide Vincent e, attraverso un lungo pendio, un tratto in falsopiano quasi accanto al Naso del Lyskamm.

Il pendio diventa più dolce in prossimità del Colle del Lys, racchiuso tra il massiccio dei Lyskamm a sinistra e la cima Parrot a destra.

Si prosegue salendo gradualmente in costa lasciandosi alla sinistra il lungo ghiacciaio dei Lyskamm che scende in Svizzera e alla destra tutte le cime del Monte Rosa che mano a mano si susseguono.

Le forme del ghiaccio verso la Punta Gnifetti

Le forme del ghiaccio verso la Punta Gnifetti

Si arriva così ai piedi della Punta Gnifetti (m 4552) e della Capanna Margherita raggiungibile salendo l’erto pendio finale. L’escursione non richiede capacità alpinistiche o tecniche, ma un’ottima condizione fisica e una solida preparazione alle gite in alta quota.

Punti di appoggio

Rifugio Capanna Gnifetti
Monte Rosa – ghiacciaio del Garstelet (m 3647). Custodito, apertura invernale, 176 posti letto.
Tel. 0163.78015
cell. 348.1415490

Leggi anche il reportage: ghiacciai, i sovrani della montagna

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Testo di Alberto Cavallo, foto di Cesare Re e Alberto Cavallo

Da Punta Indren a Punta Gnifetti: i ghiacciai del Monte Rosa

Gressoney-La-Trinité, Aosta Valley, Italy


A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento