I Giganti di Cozzo del Pesco | Trekking.it

I Giganti di Cozzo del Pesco

0
REGIONE
Calabria
COME ARRIVARE
Da Rossano si raggiunge il bivio della casa forestale della Finaita, contraddistinto da un grande cartello dell’Oasi; da qui, lasciata l'auto, inizia il percorso (Ph Enrico Bottino).
PERIODO CONSIGLIATO
Autunno
LOCALITÀ DI PARTENZA
Strada tra l’ex Monastero del Patirion (Rossano) e Sila
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
70 metri a salire, 70 metri a scendere
LOCALITÀ DI ARRIVO
Cozzo del Pesco
TEMPO DI PERCORRENZA
0.30 ore
DIFFICOLTÀ
T
FONDO STRADALE
strada forestale

Sulle montagne sopra Rossano, intorno a quota 1000, si estende per circa 8 ettari l’Oasi del WWF di Cozzo del Pesco.

L’intera area è dominata da magnifici castagni, alcuni dei quali (per l’esattezza 103) assumono dimensioni colossali: diversi esemplari raggiungono gli otto metri di circonferenza e un’età di oltre 700 anni. La particolarità di questo castagneto risiede nel fatto che numerosi esemplari monumentali sono talmente vicini tra loro da doversi spartire la luce. Di norma, infatti, nei castagneti più antichi gli esemplari molto grandi tendono a isolarsi, mentre in quest’area, su una superficie di pochi ettari, si rinvengono centinaia di alberi giganteschi, uno a fianco all’altro, che rendono la passeggiata nel bosco un’esperienza più unica che rara.

Da Rossano si prende la strada per il monastero italo-bizantino del Patirion e per l’Oasi dei Giganti di Cozzo del Pesco. Dopo il suggestivo luogo religioso, si prosegue lungo la strada sino a incontrare una deviazione sterrata sulla destra, contrassegnata da una baracca in legno e un cartello indicante l’oasi.

Lasciata l’auto si imbocca a piedi la stradina, inoltrandosi nel bosco, tralasciando le deviazioni a destra, che scendono verso il fondovalle. In breve si giungerà alla base del bosco monumentale posto in pendio, che è composto da un centinaio di castagni plurisecolari, con un nucleo centrale composto da veri e propri colossi di un’età probabile di 800 anni, oltre a circa novanta aceri.

L’Oasi di Cozzo del Pesco si raggiunge facilmente in auto da Rossano percorrendo la SP 188 (Ph Enrico Bottino)

Si può continuare a salire lungo la stradina o entrare liberamente nel bosco, visitando uno per uno i giganteschi castagni, alcuni dei quali possono ospitare diverse persone nel loro tronco cavo. Il sentiero si collega alla strada provinciale che porta in Sila, in prossimità del centro forestale della Finaita.

Lungo la strada diretta all’oasi naturalistica, s’incontra il Patirion, un cenobio greco-bizantino cosiddetto “basiliano”, risalente al XI-XII secolo, costruito grazie alle donazioni dei principi Normanni. La chiesa è una fusione degli stili architettonici bizantino, arabo e normanno e presenta tre absidi rivolte ad oriente. Molto belli i pavimenti a mosaico, in gran parte ancora visibili, che riproducono animali e motivi geometrici policromi, i colonnati e il tetto in legno – Foto di Enrico Bottino

 

Cozzo del Pesco, Sila Greca – Foto di Enrico Bottino

 

 

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Francesco Bevilacqua - Enrico Bottino


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento