Luoghi del Mito: da Castellaneta a Palagianello | Trekking.it

Luoghi del Mito: da Castellaneta a Palagianello

1
REGIONE
Puglia
COME ARRIVARE
In auto: Autostrada A14 Bologna-Taranto, uscita Mottola poi indicazioni per Castellaneta.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Castellaneta
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
Trascurabile
LUNGHEZZA DEL PERSCORSO
Dai 10 ai 13 chilometri circa
LOCALITÀ DI ARRIVO
Palagianello
TEMPO DI PERCORRENZA
8 ore (soste comprese)
DIFFICOLTÀ
T

Siamo in provincia di Taranto, nel cuore del Parco naturale regionale Terra delle Gravine nel cosiddetto arco jonico. Un territorio vasto ed eterogeneo. Una grande varietà di paesaggi si confondono e si alternato tra oasi naturalistiche e aree archeologiche.

Si passa dai tipici boschi della Murgia ad ambienti costieri marini…questo è il fascino del comprensorio del Gal Luoghi del Mito e dei suoi comuni.

La chiesa di San Francesco a Castellaneta

La chiesa di San Francesco a Castellaneta

Descrizione: si parte da Castellaneta, Attraverseremo la cittadina e lasceremo le macchine nell’ampio parcheggio sulla SS7, al Km 615 subito dopo la Chiesa della Madonna del Pesco. È da qui che cominceremo il nostro percorso ad anello che ci condurrà fino a Palagianello.

Ci troviamo in un territorio caratterizzato dalla Murgia e dalle Gravine, nel Parco Regionale Terra delle Gravine. Lungo il percorso il nostro sguardo potrà spaziare dalla Gravina di Castellaneta al Mar Ionio e poi più lontano fino al Pollino.

La Gravina di Castellaneta

Percorreremo sentieri, strade sterrate e brevissimi tratti asfaltati. Ci imbatteremo nel tipico paesaggio pugliese costituito da muretti a secco e uliveti e da un ambiente murgico. La vegetazione di questo territorio è propria della macchia mediterranea.

Molto diffusi il lentisco, il mirto, la ginestra e numerose specie di orchidee, piante rampicanti e ancora crochi e calendule. Nelle pareti di tufo delle gravine ammireremo splendidi esemplari di Pino d’Aleppo. Prima di arrivare a Palagianello attraverseremo dapprima una galleria e poi, subito dopo, imboccheremo una bella pista cicolpedonale caratterizzata da una splendida vegetazione.

Chiesa rupestre a Palagianello

Alla fine del percorso ciclopedonale raggiungiamo un’area attrezzata immersa nel verde. Qui si può sostare per mangiare o per riprendere fiato per poi riprendere la nostra passeggiata verso la gravina di Palagianello alla scoperta del Villaggio Rupestre, delle sue numerose grotte e chiese. Si risale poi la gravina e si arriva nel centro abitato, che vi sorge a ridosso.

castellaneta-gravina2c

Una locomotiva nei pressi della ex stazione di Palagianello ci ricorda che qui sfrecciava il treno delle Ferrovie dello Stato. Da Palagianello imbocchiamo finalmente la pista ciclopedonale sorta sulla ex strada ferrata alla fine della quale giungeremo al punto di partenza. La pista ciclopedonale sorge sulla breve tratta ferroviaria Castellaneta- Palagianello che faceva parte del tracciato ferroviario Bari- Taranto, realizzato nel periodo post-unitario.

L’opera fu affidata in concessione alla Società Italiana per le Strade Ferrate Meridionali e rientrava in un grande progetto teso alla realizzazione di grandi infrastrutture in tutta l’Italia meridionale. Dal settembre del 1997 la tratta compresa tra Gioia del Colle e Palagianello è stata dimessa, solo una parte di essa però è stata riattata a pista ciclopedonale.

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Testo di Fabio Guglielmi, foto di PierMarino Zippitelli

Luoghi del Mito: da Castellaneta a Palagianello

74018 Palagianello TA, Italy


A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

1 comment

  1. Tony Martina 22 Luglio, 2017 at 19:14 Rispondi

    Buona sera, tra qualche giorno torno in Puglia per le ferie e avevo intenzione di farmi una passeggiata seguendo questo itinerario. Qualcuno lo ha già provato? Siccome porterei con me la mia cagnolina, vorrei sapere se c’è abbastanza ombra sotto cui fermarsi a farle tirare un po’ il fiato. Grazie.

Lascia un tuo commento