Orsiera Rocciavrè: la pista degli alpeggi Sellery | Trekking.it

Orsiera Rocciavrè: la pista degli alpeggi Sellery

1
REGIONE
Piemonte
COME ARRIVARE
In auto. Da Torino imboccare la tangenziale in direzione Frejus fino a Bussoleno; seguono indicazioni per i Comuni di Villarfocchiardo, San Giorio, Mattie e Meana da cui si può accedere al Parco. Dalla Lombardia, uscita A4 di Torino (MI-TO), segue tangenziale direzione Frejus. In treno. Stazione di Bussoleno, sulla linea Torino-Susa/Bardonecchia-Modane (Francia); dalla stazione vi è un collegamento di autolinee gestite dalla ditta Bellando che effettua la tratta Bussoleno-Comuni limitrofi in coincidenza con gli arrivi/partenze dei treni.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Imbocco Pista Sellery, Forno di Coazze (m 1164)
TIPOLOGIA ITINERARIO
ciaspole
DISLIVELLO
+590 metri
LOCALITÀ DI ARRIVO
Alpeggio Sellery superiore (m 1726)
TEMPO DI PERCORRENZA
2.30 ore
DIFFICOLTÀ
T

Una ciaspolata sulle Alpi che fanno da sfondo al capoluogo piemontese e si stagliano dietro il suo profilo urbano.

Dall’abitato di Coazze si raggiunge la località Forno e si prosegue per la strada che conduce a Pian Neiretto fino ad incontrare, in un tornante, l’imbocco della pista agrosilvopastorale degli alpeggi Sellery (m 1164), segnalata da un divieto di accesso.

Descrizione: parcheggiata l’auto ci si immette sulla pista, toccando, dopo un tratto in discesa, le baite delle Prese Dragone. Proseguendo si oltrepassano, ai lati della strada, due piloni votivi. Si sale in una faggeta passando nei pressi della piccola cascata di Loyi Scura, indicata da un cartello in legno, raggiungendo poi i confini del Parco naturale Orsiera Rocciavrè, dove gli alberi cedono il passo ai pascoli.

Continuando per la strada si arriva all’alpeggio Sellery inferiore (m 1553), situato alle pendici del cosiddetto Fortino, rilievo sulla cui sommità sono ancora visibili i resti di un forte a forma di stella, risalente al 1600.

La pista prosegue quindi aggirando il versante nord del Fortino e attraversando il rio di Costabruna, un ultimo tratto permette di raggiungere l’alpeggio Sellery superiore (m 1726), meta dell’itinerario. I più allenati possono proseguire fino al Colle della Roussa (m 2026), valico che mette in comunicazione la Val Sangone con la Val Chisone.

Per il ritorno è possibile scendere direttamente dai pascoli dell’alpeggio superiore, lungo il tracciato del sentiero nr. 414, per immettersi nuovamente sulla pista poco più a valle dell’alpe inferiore. Nella parte bassa si osservano facilmente nella neve le tracce dei caprioli, delle volpi, talvolta dei cinghiali, mentre più in quota sono comuni quelle dei camosci e delle lepri.

Testo di Enrico Bottino / Foto Archivio TREKKING&Outdoor e Parco Orsiera-Rocciavrè – Dante Alpe

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Testo di Enrico Bottino / Foto Archivio TREKKING&Outdoor e Parco Orsiera-Rocciavrè - Dante Alpe

Orsiera Rocciavrè: la pista degli alpeggi Sellery

10050 Coazze TO, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

1 comment

Lascia un tuo commento