Dai Bagni di Masino al Rifugio Gianetti | Trekking.it

Dai Bagni di Masino al Rifugio Gianetti

0
REGIONE
Lombardia
COME ARRIVARE
In auto. SS36 del Lago di Como in direzione Sondrio, poi SS38 dello Stelvio fino ad Ardenno dove si imbocca la Provinciale 404 per Val Masino.
In treno e autobus. Linea ferroviaria Milano – Sondrio sino a Morbegno, da qui autobus di linea per Val Masino.
PERIODO CONSIGLIATO
Da luglio a settembre
LOCALITÀ DI PARTENZA
Bagni di Masino (m 1172)
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
+ 1362 metri
LOCALITÀ DI ARRIVO
Rifugio Luigi Gianetti (m 2534)
TEMPO DI PERCORRENZA
3.30 ore
DIFFICOLTÀ
E

Dalla località San Martino di Val Masino è possibile prendere l’autobus di linea che sale sino al parcheggio dei Bagni di Masino. Qui si imbocca subito il sentiero che procede in piano fra i prati e poi la mulattiera che risale la Val Porcellizzo.

Un tratto nel bosco conduce alle baite dell’Alpe Corte Vecchia (m 1405) oltre le quali il sentiero percorre un caratteristico tratto dove due enormi massi, appoggiati l’uno contro l’altro, formano una strettoia conosciuta come “le Termopili”.

Continuando a salire il bosco si dirada e la mulattiera diviene un sentiero più ripido che, con una serie interminabile di tornanti, risale una placca rocciosa percorsa da una suggestiva cascata.

L’itinerario costeggia il torrente sino a sbucare sul vasto Piano del Porcellizzo (m 1899) per poi oltrepassare un ponticello in pietra e continuare su una mulattiera al termine della quale si comincia ad intravedere il rifugio.

Una nuova valletta e un successivo dosso conducono ai piedi di una liscia placca granitica, risalita la quale, con un’ultima diagonale verso destra, si giunge al rifugio, sovrastato dalle pareti del Badile e del Cengalo.

Powered by Wikiloc
AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Serafino Ripamonti

Dai Bagni di Masino al Rifugio Gianetti

23010 Bagni di Masino SO, Italy


A proposito dell'autore

Serafino Ripamonti

Dal 1995 lavora nel campo del giornalismo e della comunicazione legata al mondo della montagna e degli sport outdoor, collaborando con riviste specializzate, quotidiani e uffici stampa. L’esperienza professionale, unita alla pratica diretta delle varie specialità degli sport di montagna (è membro del Gruppo Ragni della Grignetta, uno dei più prestigiosi gruppi d’elite dell’alpinismo italiano) gli consentono di realizzare, direttamente “sul campo”, servizi e reportages, che uniscono un’accattivante ed efficace esposizione giornalistica dei contenuti ad un elevato livello di competenza tecnica. Dal 2007 collabora in pianta stabile con Verde Network e con la redazione della rivista TREKKING&Outdoor.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento