Val di Fiemme – Escursione con le ciaspole dal Passo Lavazè | Trekking.it

Val di Fiemme – Escursione con le ciaspole dal Passo Lavazè

0
REGIONE
Trentino-Alto Adige
COME ARRIVARE
Casello Egna-Ora dell’Autostrada A22 del Brennero, poi SS48 “Delle Dolomiti”; la zona è servita da collegamenti autobus giornalieri con Trento, Bolzano e le principali città del Nord Italia. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Egna-Ora, da cui con comodi bus di linea è possibile raggiungere tutte le località della Valle.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Passo Oclini (m 1989)
TIPOLOGIA ITINERARIO
ciaspole
DISLIVELLO
trascurabile
LOCALITÀ DI ARRIVO
Malga Cugola alta (m 1950)
TEMPO DI PERCORRENZA
4 - 5 ore
DIFFICOLTÀ
T

Il comprensorio di Fiemme è la meta ideale per amanti della natura e appassionati di trekking, anche d’inverno! Tra prati e foreste ricamate dalla coltre bianca si possono realizzare entusiasmanti escursioni a piedi.

Passo Oclini si raggiunge in macchina da Cavalese, arrivando prima il Passo di Lavazè (indicazioni) e poi a sinistra verso Passo Oclini. Si parcheggia alla fine della strada, in prossimità dell’Hotel Schwarzhorn.

Itinerario rilassante in un bel bosco d’abete e pino cembro, adatto anche a persone con poco allenamento. L’arrivo a Malga Cugola alta è comunque di grande soddisfazione e permette di gustarsi un inaspettato e inconsueto panorama su tutta la Val di Fiemme e la maestosa catena del LagoraiLa Malga non è custodita, ma è aperta ed è possibile trovare riparo al suo interno e, volendo, prepararsi qualcosa da mangiare.

Parcheggiata la macchina, raggiungere il retro dell’hotel, calzare le racchette e scendere lungo il bordo sinistro di una pista da sci. Verso quota 1900 bisogna fare attenzione a individuare su di un albero sempre al margine sinistro della pista, un cartello con indicazione di sentiero nr 4 per Malga Cugola. Seguire i segni sugli alberi passando dopo un poco sotto una seggiovia.

Continuare sempre in quota attraverso un bellissimo bosco di pini cembri. Il sentiero prosegue attraversando un canalone e dopo aver perso un po’ di quota si raggiungono i ruderi di una vecchia stalla presso il Passo Cugola. Scendere leggermente sull’altro versante (sud) talvolta privo di neve e raggiungere in breve la baita della Malga Cugola Alta.

Foto di Alberto Campanile

Rientro per lo stesso itinerario, oppure se avete voglia di camminare un pochino di più potete tornare fino al Passo Cugola, e prendere a sinistra un sentiero che scendendo vi porterà alla Malga Cugola Bassa (m 1806). Da li prendere una forestale a destra che in piano arriva alla stazione a valle di una seggiovia. Costeggiate la pista sulla sinistra e risalite senza via obbligata fino al Passo Oclini.

Itinerario non particolarmente impegnativo in ambiente tranquillo e senza dislivelli. Nessun pericolo per la caduta di valanghe, esso è infatti percorribile anche dopo forti nevicate.

Testo di Silvia Della Rocca

 

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Silvia Della Rocca

Val di Fiemme – Escursione con le ciaspole dal Passo Lavazè

Passo Oclini, 2, 39040 Aldein BZ, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento