Val di Rhêmes con le ciaspole | Trekking.it

Val di Rhêmes con le ciaspole

0
REGIONE
Valle d'Aosta
COME ARRIVARE
In auto. Si percorre l'autostrada A5, uscendo al casello di St Pierre e seguendo le indicazioni per la valle di Rhêmes.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Rhemes Notre Dame, municipio
TIPOLOGIA ITINERARIO
ciaspole
DISLIVELLO
700 metri a salire
LOCALITÀ DI ARRIVO
Casotto del PNGP di Sort (m 2298)
TEMPO DI PERCORRENZA
2.30 ore
DIFFICOLTÀ
T

L’alta valle si apre in uno scenario di morene e ghiacciai che scendono dalla Granta Parei e dalle altre vette della zona: il bianco dei seracchi dei ghiacciai di Lavassey, Fond e Tsantelèina contrasta con il verde dei vastissimi boschi sottostanti di abete rosso e larice. Non è necessario essere degli alpinisti per salire lungo i sentieri che si avvicinano ai ghiacciai.

Descrizione: dal municipio di Rhemes Notre Dame ci si addentra tra le case per oltrepassare il torrente e prendere il sentiero che inizia nei pressi del monumento a Gipeto.  Oltrepassato Pré du Bois si sale nel bosco fino al bivio che conduce a destra verso l’Entrelor, prendendo naturalmente sulla sinistra. Si alternano salite e tratti meno ripidi. Si raggiunge così la conca che conduce con un’altra salita al casotto utilizzato dai guardaparco del Parco del Gran Paradiso per il loro servizio di sorveglianza.

Testo redazione / Foto Cesare Re

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Testo redazione / Foto Cesare Re

Val di Rhêmes con le ciaspole

Località Bruil, 13, 11010 Rhemes-notre-dame AO, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento