Valle del Gran San Bernardo - L’Arvus | Trekking.it

Valle del Gran San Bernardo – L’Arvus

0
REGIONE
Valle d'Aosta
COME ARRIVARE
Poco prima di Saint Oyen, si svolta a destra per Ethernod; presto si raggiunge un bivio per il vallone di Menouve: si piega a destra e in breve si perviene a Praillas dessus.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Parcheggio a quota 1555, presso Praillas dessus
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
440 metri a salire, 440 metri a scendere
LUNGHEZZA DEL PERSCORSO
5 chilometri
LOCALITÀ DI ARRIVO
L’Arvus (m 1983)
TEMPO DI PERCORRENZA
1.30 ore
DIFFICOLTÀ
T
FONDO STRADALE
Indicazione verticale per il Col Menouve, sentiero nr 20

Il lungo vallone di Menouve sale dai 1300 metri circa di Etroubles fino a quota 3708 del mont Velan. Proprio quest’ultima vetta funge da sfondo alla salita alla località L’Arvus

L’alpeggio, località L’Arvus, è adagiato al termine del vallone di Menouve, nel punto in cui la pendenza della montagna cambia radicalmente, inerpicandosi a destra verso il Col de Molline (m 2953) e a sinistra verso il Col de Menouve (m 2773), impervi e di disagevole accesso, entrambi al confine con la Svizzera. L’Arvus, formato da una costruzione lunga e bassa, in buona parte adibita a stalla, si trova alla sommità di un’ampia ed amena conca prativa, aperta verso mezzogiorno.

Descrizione. Da Praillas superiore, s’imbocca l’unica strada sterrata, poco a monte chiusa al traffico. Giunti a 1620 metri slm, ci si ritrova ad un trivio, dove si prosegue diritto, ignorando le deviazioni laterali.

Lo sterrato sale nel bosco di conifere, affronta un paio di tornanti, un lungo traverso e successivamente altri due tornanti, per poi uscire dal lariceto e attraversare una zona prativa. Ignorata una deviazione a destra in discesa, si perviene ad un secondo importante bivio, a circa 1840 metri di quota, dove si prosegue diritto, seguendo le indicazioni per il sentiero nr 20.

Si passa presto sotto un alpeggio: trascurato un tratturo che scende al torrente, si continua fino ad un bivio a circa 1950 metri slm, dove sono presenti indicazioni per il Col Menouve e per il sentiero nr 20. Si scende appena, si attraversa il rio e, superata una rampa finale, si raggiunge L’Arvus.

Testo e foto di Claudio Trova

Foto Claudio Trova

Letture consigliate

PASSEGGIATE VALDOSTANE

Trenta itinerari inconsueti tra splendide cime, luoghi affascinanti e incantevoli laghi. «Passeggiate valdostane» di Claudio Trova, Musumeci editore, offre la possibilità di scoprire sentieri e panorami meno conosciuti, per nuove emozionanti avventure.

Scritto da un ricercatore, già autore di numerose guide escursionistiche sulle Alpi Occidentali, il volume propone itinerari per tutti, con tempi di percorrenza contenuti e senza particolari difficoltà, a piedi o in mountain bike. Il libro offre la possibilità di scoprire panorami di vallate più turistiche, come la Valtournenche, la Val d’Ayas, la val di Cogne, senza tralasciare luoghi meno frequentati, ma ad alto valore paesaggistico e ambientale, come la val Clavalité e la valle di Champorcher. I percorsi sono completi di fotografie, di descrizioni dettagliate, dai dislivelli ai tempi di percorrenza, con eventuali lievi difficoltà. Ogni percorso è affiancato da un approfondimento che comprende temi di carattere storico, culturale oppure antropologico.

Info: guida di Claudio Trova, Musumeci Editore – Saint-Christophe (Aosta) – 128 pagine – Euro 12,90

 

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Claudio Trova

Valle del Gran San Bernardo – L’Arvus

11014 Saint-oyen AO, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento