Valle di La Thuile – Lago Verney | Trekking.it

Valle di La Thuile – Lago Verney

0
REGIONE
Valle d'Aosta
COME ARRIVARE
Da La Thuile proseguire per SS26 del Piccolo San Bernardo fino al bivio a destra per Arpettes, oltre il quale, dopo un tornante, si nota a destra la carrareccia per il vallone del Breuil.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Spiazzo a quota 1870, a monte del bivio per Arpettes
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
270 metri a salire, 270 metri a scendere
LUNGHEZZA DEL PERSCORSO
5 chilometri
LOCALITÀ DI ARRIVO
Lago Verney (m 2088)
TEMPO DI PERCORRENZA
1.30 ore
DIFFICOLTÀ
E

La vicinanza alla strada del Piccolo S. Bernardo, con la conseguente possibilità di raggiungere il lago con una breve deviazione, ha ingiustamente indotto molti a trascurare il suggestivo specchio del Verney.

Se la filosofia del camminare non ha però solo nella meta ma anche nel percorso il fine stesso di un’escursione, la salita per il vallone di Breuil rappresenta un percorso di sicuro interesse. L’itinerario si sviluppa infatti tra pascoli ed alpeggi, offrendo scorci suggestivi sul vallone di Chavannes e sull’alto vallone di Breuil. Nell’ultima parte del tracciato, si passa in prossimità di almeno tre suggestivi laghetti, prima di arrivare al grande lago Verney.

Descrizione. Dallo spiazzo a 1870 metri slm circa, a lato della strada del Piccolo S. Bernardo, s’imbocca la carrareccia chiusa al traffico che s’infila nel vallone del Breuil (indicazione verticale, sentiero nr 10). La parte iniziale dello sterrato si allunga in zona ombreggiata, quindi si esce tra i pascoli; perdendo circa venti metri, si scende ad un pianoro, presso l’Alpe Champontaille (m 1850). La stradina torna quindi a salire fino ad un bivio, dove s’ignora lo sterrato che attraversa la Dora di Verney, tenendosi a sinistra: dopo alcune curve, si raggiungono l’Alpe Balmette (m 2002) e il suo suggestivo laghetto. A monte dell’alpeggio, si trascura un tratturo che sale ripido verso sud, proseguendo in costa alla montagna, per un sentiero non segnato ma evidente: il tracciato si sviluppa attraversando ripidi pendii erbosi largo ed agevole, fino a raggiungere un risalto in prossimità dell’Alpe Lechèpre, visibile a destra. Superata la rampa, si torna su una carrareccia, che ha origine più a monte: la si segue, passando prima non lontano da un minuscolo lago, quindi al margine di un primo lago, minuscolo ma suggestivo, quindi di un secondo laghetto, ormai in vista del Verney, che si raggiunge con breve percorso libero.

Testo e foto di Claudio Trova

Letture consigliate

PASSEGGIATE VALDOSTANE

Trenta itinerari inconsueti tra splendide cime, luoghi affascinanti e incantevoli laghi. «Passeggiate valdostane» di Claudio Trova, Musumeci editore, offre la possibilità di scoprire sentieri e panorami meno conosciuti, per nuove emozionanti avventure.

Scritto da un ricercatore, già autore di numerose guide escursionistiche sulle Alpi Occidentali, il volume propone itinerari per tutti, con tempi di percorrenza contenuti e senza particolari difficoltà, a piedi o in mountain bike. Il libro offre la possibilità di scoprire panorami di vallate più turistiche, come la Valtournenche, la Val d’Ayas, la val di Cogne, senza tralasciare luoghi meno frequentati, ma ad alto valore paesaggistico e ambientale, come la val Clavalité e la valle di Champorcher. I percorsi sono completi di fotografie, di descrizioni dettagliate, dai dislivelli ai tempi di percorrenza, con eventuali lievi difficoltà. Ogni percorso è affiancato da un approfondimento che comprende temi di carattere storico, culturale oppure antropologico.

Info: guida di Claudio Trova, Musumeci Editore – Saint-Christophe (Aosta) – 128 pagine – Euro 12,90

 

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Claudio Trova

Valle di La Thuile – Lago Verney

Verney Lake, 11016 La Thuile, Aosta Valley, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento