Valle d'Orcia: Montalcino, un brindisi al paesaggio doc | Trekking.it

Valle d’Orcia: Montalcino, un brindisi al paesaggio doc

0
REGIONE
Toscana
COME ARRIVARE
Da Firenze, Autostrada del Sole A1, uscita Chiusi-Chianciano Terme. Da Roma Autostrada del Sole A1, uscita Valdichiana.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Il Poggio - Torrenieri (260 m)
TIPOLOGIA ITINERARIO
a piedi
DISLIVELLO
350 metri a salire, 350 metri a scendere
LUNGHEZZA DEL PERSCORSO
10 Km
LOCALITÀ DI ARRIVO
Montalcino (514 m)
TEMPO DI PERCORRENZA
3 ore
DIFFICOLTÀ
T

Dalla stazione di Torrenieri, servita dal Treno Natura, si percorre la via Cassia (direzione Siena) fin presso la località Poggio…

Da località Poggio una sterrata conduce dapprima alla Comunità d’Incontro e poi a Val di Cava (si incontrano, lungo il percorso di crinale, il Poggio Gambocci, il Podere Viti e il Podere Collodi). All’incrocio con la Provinciale 45 si segue la strada asfaltata che conduce a Colombaio, ma prima di giungervi, ad un bivio, si distanzia a sinistra una carrareccia che, superato un fosso, sale verso Montalcino, la città del Brunello. Il primo vino italiano doc garantito, ottenuto dall’uva Sangiovese, è nato alla fine dell’800.

Sottoposto ad un lungo affinamento in legno (minimo 2 anni), il Brunello di Montalcino viene immesso sul mercato dopo 5 (tipo “annata”) oppure 6 anni (tipo “riserva”) dall’autunno della vendemmia.

Per merito del più celebre vino italiano, i monumenti storici dell’ultimo baluardo repubblicano – la possente Rocca Senese, il Palazzo dei Priori, la vicina Loggia, le Chiese di Sant’Egidio e Sant’Agostino, i Musei Riuniti – passano quasi inosservati al turista frettoloso. Eppure sono tanti i tesori custoditi dentro e fuori Montalcino; come non menzionare la splendida Abbazia di Sant’Antimo? Fondata, si dice, da Carlo Magno nel 781, ha mantenuto un’atmosfera mistica che, insieme alla facciata, al campanile, alla navata e alla cripta, la rendono una dei maggiori tempi benedettini dell’Italia Centrale. Montalcino é circondato da un colle coperto da uliveti e vigneti ma ricordare solo l’olio e, soprattutto, il vino, si farebbe torto ad almeno altri due prodotti locali meritevoli di essere conosciuti ed assaggiati: il miele e i biscotti locali detti “ossi di morto”.

 

 

AUTORE TESTO e FOTOGRAFIE
Enrico Bottino

Valle d’Orcia: Montalcino, un brindisi al paesaggio doc

Via Romana, 139, 53024 Torrenieri SI, Italy


A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento