L'Enea avverte: 7 aree costiere italiane a rischio inondazione | Trekking.it

L’Enea avverte: 7 aree costiere italiane a rischio inondazione

Categorie: Focus, News
0

Abruzzo, Toscana, Sardegna, ma anche Sicilia e Puglia. Sono 7 le aree costiere che – secondo l’Enea – potrebbero essere a rischio a causa dei cambiamenti climatici

Non sono buone notizie quelle che giungono dall’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, che ha presentato il 5 luglio scorso a Roma un convegno dedicato ai cambiamenti climatici e all’innalzamento del Mar Mediterraneo.

Secondo le ricerche dell’agenzia, le coste italiane potrebbero perdere decine di chilometri quadrati di territorio entro la fine di questo secolo, a causa dei cambiamenti climatici e dell’innalzamento del Mediterraneo. Con i sette nuovi siti indicati, salirebbero a una ventina le aree a rischio.

La mappa diramata il 5 luglio aggiunge 7 nuove aree dal Tirreno all’Adriatico: Pescara, Martinsicuro e Fossacesia in Abruzzo, Lesina in Puglia, Granelli in Sicilia, Valledoria in Sardegna e Marina di Campo sull’Isola d’Elba, in Toscana.

Vista sulle Isole Eolie, foto di Daniel Enchev

Tra le aree già indicate precedentemente dall’Enea, siti dall’incredibile valore storico e naturalistico: città come Venezia, Ravenna e Trieste, la Versilia, l’Agro Pontino e la Piana del Sele, il catanese e le Isole Eolie, i golfi di Taranto, Oristano e Cagliari.

Le rilevazioni con cui sono state valutate queste aree si basano sui dati dell’Ipcc, la maggiore istituzione per il clima a livello mondiale. L’Enea sta inoltre lavorando su un modello che metta in relazione questi valori con l’espansione termica degli oceani, con l’intensificazione degli eventi climatici estremi e i movimenti tettonici dell’Italia.

Marina di Campo, Isola d’Elba, foto di artq55

L’avvertimento degli studiosi è ormai noto ai più: solo una riduzione drastica delle emissioni di gas serra potrebbe limitare l’aumento del livello del mare atteso. A farne le spese sarebbe in primis un’ampia fetta di patrimonio naturale, storico e culturale della nostra Penisola.

Testo di Marco Carlone. In apertura: foto di Daniele Caneve

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento