Progetto Mosaico Verde: 300.000 nuovi alberi per i comuni italiani | Trekking.it

Progetto Mosaico Verde: 300.000 nuovi alberi per i comuni italiani

Categorie: Focus, News
0

Promuovere gli investimenti in sostenibilità da parte delle aziende private: ecco l’obiettivo del nuovo progetto nazionale Mosaico Verde.

300.000 alberi e 30.000 ettari di bosco. Sono i numeri che Azzero CO2 e Legambiente lanciano per la campagna Mosaico Verde, una piattaforma di incontro tra aziende ed enti locali per lo sviluppo di progetti di tutela ambientale e riforestazione.

L’idea nasce per consentire a tutti i comuni e gli enti parco che ne facciano richiesta, di veder incrementare le proprie aree verdi grazie agli investimenti di aziende che hanno obiettivi di responsabilità sociale d’impresa e che credono in progetti di sostenibilità ambientale.

A queste imprese sarà dato modo di sostenere o realizzare nuove aree verdi o, in alternativa, contribuire alla tutela di quelle già esistenti con programmi di rimboschimento in aree urbane, extraurbane o a rischio dissesto.

Per quanto riguarda le aree protette già esistenti, sono in programma recuperi delle reti sentieristiche, pulizie del bosco, costruzione di nuovi impianti e pianificazione di misure antincendio.

L’iniziativa, che ha il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, Ministero delle Politiche Agricole e forestali, Kyoto Club, ma anche università, comuni e associazioni impegnate nella tutela del territorio, cerca di rispondere agli scenari elaborati dal Ministero dell’Ambiente nel contesto del Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici.

Nei prossimi anni sulla nostra Penisola è infatti previsto un aumento delle giornate con temperature superiori ai 30°, in un numero che potrebbe oscillare da 8 a 20 giorni, con un calo delle precipitazioni e un aumento di eventi estremi e di forte intensità.

Una strategia durevole, che punti al lungo periodo, sembra dunque essere l’unica risposta per prepararsi ai rischi che potrebbero prefigurarsi in futuro per il territorio italiano.

Testo di Marco Carlone. In apertura, foto di NiloByLaRadice

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento