Genova: Petrolio nel Polcevera, ecosistema distrutto? | Trekking.it

Genova: Petrolio nel Polcevera, ecosistema distrutto?

Categorie: Eventi, News
0

L’Ente Nazionale Protezione Animali, lancia l’allarme, lo sversamento di migliaia di litri di petrolio nei rii Pianego e Fegino e nel fiume Polcevera è un duro colpo per la biodiversità.

Seppure la situazione sia sotto controllo, grazie al pronto intervento dei volontari genovesi dell’ENPA, sono morti centinaia di pesci e rane, e decine di esemplari di avifauna intrisi di petrolio sono in difficoltà. Anatre, germani reali, oche e aironi intossicati dal greggio in questi giorni sono stati portati presso la sede della sezione genovese dell’ENPA, così da poterli trattare con oli vegetali e detergenti neutri per asportare dalle piume l’elemento viscoso e tossico e fargli superare indenni questo difficile momento.

AGGIORNAMENTO DELLA NOTIZIA Inquinamento: a Genova versamento di petrolio nel Polcevera

petrolio_original

Un’operazione che deve naturalmente essere svolta dalle persone competenti dell’Ente Nazionale Protezione Animali, quindi la cittadinanza è invitata a segnalare animali in difficoltà al seguente numero di emergenza: 010.5531696

«Una volta che gli animali sono stati soccorsi spiega Massimo Pigoni, responsabile della Protezione Animali genovese e vicepresidente nazionale di Enpa – non resta altro che incrociare le dita, sperando che i livelli di intossicazione non siano letali».

Gli animali danneggiati dal greggio tendono a nascondersi tra gli arbusti, quindi resta più difficile la loro individuazione. «Nelle passate settimane avevamo più volte lanciato l’allarme sui pericoli collegati allo sfruttamento dei combustibili fossili, invitando gli italiani a schierarsi per una nuova politica energetica, innovativa, efficiente e rispettosa dei principi stabiliti a Parigi. Purtroppoaggiunge Massimo Pigoni i tragici fatti di queste ore stanno dando ragione a noi e a 16 milioni di persone che con il loro voto hanno espresso disapprovazione per la politica energetica del Governo. Quanto accaduto sia di monito per tutti».

petrolio_anatra-2

È certo che negli ultimi decenni gli ambienti naturali sottoposti alla pressione antropica, tradotta in inquinamento, ad importazione di specie alloctone, allo sfruttamento intensivo delle risorse naturali – compresa l’estrazione mineraria e dei combustibili naturali – sono stati deteriorarti, in alcuni casi irreparabilmente, modificando gli ecosistemi in proporzioni che non hanno precedenti, allo scopo di soddisfare la crescente richiesta di “benessere” e “civilizzazione” dell’uomo.

Per ora sappiamo che l’ondata nera fuoriuscita dalla tubatura dell’oleodotto Iplom ha mietuto le sue prime vittime: uccelli, pesci e rane, un ecosistema alterato, serviranno settimane se non mesi per tornare a una parvenza di normalità.

I vigili del Fuoco al lavoro (foto Vdf)

 

di Enrico Bottino

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento