Specie INVASIVE in Italia: problematiche e possibili soluzioni | Trekking.it

Specie INVASIVE in Italia: problematiche e possibili soluzioni

0

L’Europa deve fare i conti con oltre 12.000 specie aliene presenti, di cui il 10-15% ritenuto invasivo. Queste cifre hanno un valore indicativo e sono verosimilmente molto sottostimate.

Diverso, estraneo, alieno. Un essere vivente che appartiene ad altri ambienti, ad una diversa realtà sociale, addirittura un qualsiasi individuo di provenienza esterna al pianeta Terra… In questo caso il termine “alieno” è riferito ad animali e piante che non appartengono al loro originario spazio vitale perché introdotti e diffusi volutamente o accidentalmente proprio dall’uomo. Specie che nulla avrebbero a che fare con le risorse e gli equilibri dell’ambiente dove si svolge la loro vita e che, peraltro, possono contribuire al suo degrado e distruzione. Non solo: le specie aliene oltre a minacciare la biodiversità del nostro Paese, possono avere un impatto negativo sulla salute e il benessere dell’uomo.

È quindi necessario che tutti i cittadini siano opportunamente informati sulle conseguenze di alcuni comportamenti a rischio, che potrebbero favorirne l’introduzione e la diffusione. Le aliene infatti sono in grado di causare ingenti danni economici alle attività produttive, possono contribuire alla diffusione di malattie e parassiti dannosi a tutti gli esseri viventi, uomo compreso.

Indesiderati

In Europa, così come in altre parti del mondo, la mangusta indiana (Herpestes javanicus) è stata introdotta a scopo di controllo di serpenti e ratti, soprattutto in contesti agricoli. La mangusta indiana è un predatore generalista e come tale può rappresentare una minaccia diretta per una moltitudine di specie native, soprattutto piccoli vertebrati. In Croazia ad esempio sembra aver avuto un impatto significativo sulle popolazioni di vipera dal corno e di ramarro gigante. In Italia, non è ancora presente – Ph Massimo Piacentino

 

A preoccupare la diffusione di una specie aliena non è il fenomeno in sé, che esiste da sempre (in fondo anche il pomodoro e la patata in Europa, così come il cipresso in Toscana, sono specie vegetali aliene), ma le proporzioni che ha assunto. Negli ultimi 30 anni le specie alloctone sono aumentate del 76 per cento.

Un ingresso così massiccio in un arco temporale ridotto determina un notevole impatto sugli ecosistemi, soprattutto là dove gli ambienti risultano già fortemente alterati per azione dell’uomo e dunque sono più vulnerabili.

La differenza sostanziale tra specie native e aliene è che queste ultime, per definizione, non si sono evolute insieme alla comunità di specie animali e vegetali che fan parte dell’ecosistema in cui sono state introdotte, per cui la loro presenza può causare squilibri più o meno seri in seno a tali comunità, e nei casi più gravi possono determinare la scomparsa delle specie più sensibili e vulnerabili, e in alcuni casi il collasso dell’intero ecosistema.

Gambero rosso della Luisiana (Procambarus clarkii) – Questa specie ha un comportamento molto aggressivo e per questo può competere con successo per lo sfruttamento delle risorse con gli altri gamberi di fiume nativi (soprattutto per cibo e rifugi). Peraltro può causare altri stravolgimenti legati alla diffusione di malattie e parassiti, ad esempio è un importante vettore di Aphanomyces astaci, l’agente eziologico della peste del gambero. Il gambero rosso della Louisiana può esercitare una pressione predatoria significativa su anfibi e altri invertebrati, mettendone a rischio la sopravvivenza, e può contribuire alla riduzione della presenza di vegetazione nelle zone umide – Ph Massimo Piacentino

 

Un esempio recente è dato dal calabrone asiatico, predatore di api e capace di uccidere quantità enormi di insetti impollinatori, inclusi bombi e farfalle. Questo naturalmente può provocare gravi danni anche alle piante la cui sopravvivenza dipende dall’impollinazione degli insetti. Può inoltre rovinare i frutti di cui si nutre, danneggiando in tal modo i raccolti, facendo subentrare problemi di ordine alimentare nonché economici.

Sono soprattutto gli organismi di piccole dimensioni i più pericolosi per la biodivesità, quelli che più facilmente riescono a passare inosservati da un continente all’altro attraverso il trasporto di merci o di persone.

Il fenomeno delle invasioni biologiche può assumere contorni decisamente allarmanti negli ecosistemi insulari perché sono formati da un numero più ridotto di specie animali e vegetali e risultano dunque più fragili.

Nel nostro Paese da diversi anni sono in corso progetti per rimuovere ratti, conigli, capre, piante alloctone per tutelare la fauna e la flora spontanee. La rimozione del ratto, in particolare, ha avuto effetti molto positivi sulla riproduzione di uccelli marini, come le berte, che nidificano al suolo e che subiscono la predazione sui pulcini e sulle uova da parte di questi roditori introdotti dall’uomo ormai da tempo: all’isola di Montecristo ad esempio, dopo un piano di derattizzazione le berte minori sono tornate a nidificare (uova e pulli erano aggrediti e divorati dai ratti..).

Quanto ci costano e i rimedi

La nutria (Myocasor coypus), introdotta come animale da pelliccia in numerosi paesi del mondo, si è insediata con successo grazie alle frequenti fughe dalla cattività e a seguito di rilasci intenzionali. I danni causati da questa specie attraverso le attività di scavo delle tane lungo gli argini e i canali rappresentano una vera minaccia per l’integrità delle opere idrauliche per la regimazione delle acque. Tali danni possono aumentare il rischio di inondazioni. Peraltro anche le abitudini alimentari di questa specie possono causare danni alle coltivazioni. I danni economici causati dalla nutria ogni anno sono perciò ingenti. Dal punto di vista sanitario la nutria può rappresentare un potenziale vettore di parassiti e altri agenti patogeni pericolosi anche per l’uomo – Ph Massimo Piacentino

 

In Italia non esistono studi esaustivi sull’impatto economico delle specie aliene, ma alcune stime possono fornire un’idea dell’ordine di grandezza dei danni associati a questo problema. Un esempio è quello della nutria, grosso roditore di origine sudamericana, responsabile di ingenti danni all’agricoltura e agli argini di canali e corsi d’acqua. Complessivamente, tra il 1995 e il 2000, l’impatto economico di questa specie è stato stimato in oltre 11 milioni di euro, senza contare i 2,8 milioni di euro necessari per il controllo delle sue popolazioni.

I numeri danno una mano a capire la gravità di un problema che preoccupa moltissimo biologi ed esperti di tutto il mondo. Ad esempio, secondo alcune ricerche, in 170 delle 680 estinzioni conosciute nel regno animale per le quali sono note le cause, ben il 54% include le specie aliene, e in 1 caso su 5 le specie aliene invasive sono addirittura l’unica causa riportata!

Nutrie, visoni, scoiattoli grigi, gamberi blu, piccoli insetti colorati e piante dai fiori meravigliosi, sono tante le specie che costano ogni anno 12 miliardi di euro in tutta Europa. Nella stima, quasi sicuramente al ribasso, sono inclusi i costi di eradicazione ma anche i danni all’agricoltura, alla pesca, alle foreste e alle infrastrutture.

Lo scoiattolo grigio (Sciurus carolinensis) determina l’estinzione delle popolazioni locali di scoiattolo comune (specie nativa in Europa). Tale sostituzione competitiva è dovuta a una maggiore efficienza della specie americana nello sfruttamento delle risorse trofiche. Lo scoiattolo grigio è anche predatore di uova e nidiacei, ma non è chiaro il tipo di impatto esercitato sulle popolazioni di queste specie. A Genova è in corso l’eradicazione di una piccola popolazione urbana con sterilizzazione chirurgica e successivo rilascio degli animali sterilizzati. Anche in Umbria una piccola parte degli animali viene sterilizzata – Ph Massimo Piacentino

 

D’altra parte le eradicazioni, in un ambiente oramai privato dei naturali predatori, sono uno dei pochi interventi che garantisce risultati tangibili immediati nel campo della biologia della conservazione: un’analisi della lista rossa dell’IUCN ha mostrato che ben 11 specie di uccelli, 5 di mammiferi e una di anfibi hanno migliorato il loro stato di conservazione proprio a seguito dell’eradicazione di specie aliene invasive.

La prevenzione rappresenta certamente l’arma più efficace per affrontare questo serio problema e limitare i danni complessivi che esso comporta. Tra tutte le opzioni possibili è inoltre quella di gran lunga più economica, nonché quella eticamente meno problematica.

La prevenzione può essere effettuata attraverso due strade: attuando iniziative che riducano il rischio che nuove specie arrivino nel nostro Paese e migliorando lo stato di conservazione dei nostri ambienti naturali e agricoli: più un ecosistema è complesso e strutturato, più è difficile che una specie estranea possa insediarvisi con successo.

Poco tempo fa, grazie ad una speciale trappola, i ricercatori sono riusciti a scoprire che nel porto di Civitavecchia era arrivato anche un esemplare di scarabeo Ataenius, probabilmente dagli Stati Uniti. Era il primo in Europa.
Il povero scarabeo non ha fatto a tempo a riprendersi dal jet-lag che è stato catturato. Tanti altri animali e piante invasive però godono di ottima salute, e lentamente, mettono in pericolo la fauna e la flora del nostro Paese.

 

La normativa nazionale

Potendo predare una grande varietà di specie animali, tra cui insetti acquatici, crostacei, pesci e anfibi e nutrendosi anche di vegetazione acquatica, la presenza della tartaruga guance rosse (Trachemys scripta) può influenzare l’intera comunità acquatica degli ambienti colonizzati. Diversi studi hanno evidenziato che la testuggine palustre americana può competere con le testuggini europee autoctone per il cibo, i siti di deposizione delle uova – Ph Massimo Piacentino

 

In Italia il Regolamento UE 1143/2014 è applicato attraverso il Decreto Legislativo 230 del 15 dicembre 2017, che ha introdotto numerose prescrizioni per evitare che le specie siano introdotte accidentalmente o volontariamente, o che si diffondano ulteriormente. I cittadini che possiedono animali o piante appartenenti alle specie di cui la detenzione è vietata, devono farne denuncia entro 180 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Legislativo, e potranno poi detenerli fino alla loro morte naturale, purché non li facciano riprodurre, evitino rischi di fuga e non li rilascino nell’ambiente. Il Decreto Legislativo introduce anche specifiche sanzioni penali e amministrative. Ad esempio, l’allevamento, la vendita o il rilascio nell’ambiente di specie di rilevanza unionale è punita con l’arresto fino a tre anni o con l’ammenda da € 10.000 a € 150.000.

Il fico degli ottentotti (Carpobrotus edulis) è una pianta succulenta originaria del Sud Africa e rappresenta una delle maggiori minacce agli ecosistemi costieri del Mediterraneo. Nei siti dove si sviluppa, forma rapidamente delle formazioni monospecifiche che impediscono la crescita delle specie native. È stato dimostrato che la specie provoca una acidificazione del suolo portando ad una alterazione del ciclo di assorbimento dei nutrienti. La rimozione fisica delle piante in zone accessibili è relativamente economica ma diventa particolarmente costosa nei siti dove spesso comporta un maggior impatto ambientale, ad esempio lungo le scogliere, dove sono necessari equipaggiamenti e competenze speciali – Ph Massimo Piacentino

 

Sul numero 301 di TREKKING&Outdoor abbiamo approfondito l’argomento.

Un sentito ringraziamento al Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” di Genova per la consulenza scentifica e all’Associazione Culturale “Sagittaria” (http://www.sagittariarovigo.org) per la collaborazione.

Testo e foto di Massimo Piacentino – Fotografia di Viaggio – Nature photography – ardeas@virgilio.it

 

Eichhornia crassipes – E’ considerata una delle specie acquatiche più invasive al mondo. Le dense popolazioni di questa pianta possono causare l’alterazione della struttura e della funzione degli ecosistemi, portando allo stravolgimento della catena alimentare e del normale ciclo dei nutrienti. I tappeti galleggianti di giacinto d’acqua possono rallentare il flusso della corrente, ridurre il passaggio di luce e la produzione di ossigeno da parte delle altre piante acquatiche, innescando in tal modo condizioni di anossia che possono interferire con la produzione di fitoplancton e in ultima analisi con la presenza di pesci. La presenza di questi tappeti galleggianti può altresì aumentare la biomassa di detriti e di conseguenza il tasso di sedimentazione causando un cambiamento radicale degli ecosistemi interessati – Ph Massimo Piacentino

Specie di rilevanza unionale

In tabella è riportato l’elenco completo delle 49 specie presenti nella lista di rilevanza unionale. Le specie aliene invasive di rilevanza unionale sono quelle specie aliene invasive i cui effetti negativi sono talmente rilevanti da richiedere un intervento coordinato e uniforme a livello di Unione Europea.

PIANTE

  • Alternanthera philoxeroides Erba degli alligatori
  • Asclepias syriaca Pianta dei pappagalli
  • Baccharis halimifolia Baccharis a foglie di alimio
  • Cabomba caroliniana Cabomba caroliniana
  • Eichhornia crassipes Giacinto d’acqua
  • Elodea nuttallii Peste d’acqua di Nuttall
  • Gunnera tinctoria Rabarbaro gigante
  • Heracleum mantegazzianum Panace di Mantegazza
  • Heracleum persicum Panace di Persia
  • Heracleum sosnowskyi Panace di Sosnowskyi
  • Hydrocotyle ranunculoides Soldinella reniforme
  • Impatiens glandulifera Balsamina ghiandolosa
  • Lagarosiphon major Peste d’acqua arcuata
  • Ludwigia grandiflora Porracchia a grandi fiori
  • Ludwigia peploides Porracchia plepoide
  • Lysichiton americanus Lysichiton americano
  • Microstegium vimineum Stiltgrass giapponese
  • Myriophyllum aquaticum Millefoglio americano
  • Myriophyllum heterophyllum Millefoglio
  • Parthenium hysterophorus Partenio infestante
  • Pennisetum setaceum Penniseto allungato
  • Persicaria perfoliata Persicaria perfoliata
  • Pueraria montana var. lobata Pueraria

PESCI

  • Perccottus glenii
  • Pseudorasbora parva Pseudorasbora

ANFIBI

  • Lithobates catesbeianus Rana toro americana

RETTILI

  • Trachemys scripta Tartaruga palustre americana

UCCELLI

  • Alopochen egyptiacus Oca egiziana
  • Corvus splendens Corvo indiano delle case
  • Oxyura jamaicensis Gobbo della Giamaica
  • Threskiornis aethiopicus Ibis sacro

MAMMIFERI

  • Callosciurus erythraeus Scoiattolo di Pallas
  • Herpestes javanicus Mangusta indiana
  • Muntiacus reevesii Muntjak della Cina
  • Myocastor coypus Nutria
  • Nasua nasua Nasua o Coati rosso
  • Nyctereutes procyonoides Cane procione
  • Ondatra zibethicus Topo muschiato
  • Procyon lotor Procione o orsetto lavatore
  • Sciurus carolinensis Scoiattolo grigio
  • Sciurus niger Scoiattolo volpe
  • Tamias sibiricus Tamia siberiano

 

Bibliografia:

Scalera R., Bevilacqua G., Carnevali L. e Genovesi P.

(a cura di) 2018. Le specie esotiche invasive: andamenti, impatti e possibili risposte. ISPRA. pp 1-121.

 

Il punteruolo rosso (Rhynchophorus ferrugineus) colpisce parecchie specie di palme tra cui le più diffuse varietà ornamentali mediterranee, la palma delle Canarie e quella da dattero, ma anche specie di interesse economico quali la palma da cocco e quella da olio. Dopo la schiusa, le larve si dirigono verso l’interno della pianta, scavando gallerie grazie al robusto apparato masticatorio e danneggiando soprattutto la zona del tronco immediatamente sottostante alla corona fogliare. Il periodo larvale dura in media 55 giorni. L’infestazione può essere a lungo asintomatica e manifestarsi solo in una fase avanzata. I primi sintomi sono rappresentati da un anomalo portamento della chioma, che assume un caratteristico aspetto divaricato “ad ombrello aperto”. Nello stadio terminale della infestazione si produce un vero e proprio “collasso” della pianta – Ph Massimo Piacentino

 

L’ibis sacro (Threskiornis aethiopicus) è una specie originaria dell’Africa a sud del Sahara e dell’Iraq sud-orientale. Questa specie è stata introdotta perlopiù come conseguenza dei rilasci e delle fughe dalla cattività di animali tenuti in collezioni private e in giardini zoologici. l’ibis sacro è un predatore di uova e pulcini di varie specie di uccelli nativi, come sterne, garzette, anatre, uccelli marini e uccelli di palude. Inoltre potrebbe competere per i siti di nidificazione con altri uccelli, come la garzetta e l’airone guardabuoi – Ph Massimo Piacentino

 

L’AUTORE

Da quando, nella casa dei nonni sull’Appennino Ligure, ancora bambino ebbi la fortuna di intravedere il mio primo lupo non ho più smesso di girovagare con una macchina fotografica al collo; quel lupo solitario accese in me un amore sproporzionato per la natura ed una passione sfrenata per la fotografia che neanche le più torride giornate passate in palude o le più fredde albe in attesa di un gallo cedrone sono riuscite, nonostante l’età, ad assopire. Da oltre 25 anni da quel incontro palpitante, mi dedico professionalmente alla fotografia naturalistica con particolare impegno nelle tematiche ambientali, Collaboro con diversi Enti Governativi sia italiani che stranieri ed agenzie fotogiornalistiche cercando di contagiare i più con la mia lucida “follia green”; i mie articoli e le immagini di natura sono pubblicate su numerose riviste internazionali di natura e viaggi.

Sono convinto che la natura abbia sempre e solo da insegnarci, basta solo ascoltarla. Penso che osservare un animale attraverso l’obiettivo senza essere visti e senza disturbarlo, sia la vera essenza del fotografo di natura.

Massimo Piacentino

Il palcoscenico è immenso, le sue comparse anche, Piacentino lo sa! C’è una gioia grande e la si percepisce, quando Massimo parla di natura. È bello averlo nel nostro team!

La redazione

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento