Da Treviso al mare in bici: completata la ciclovia del Sile | Trekking.it

Da Treviso al mare in bici: completata la ciclovia del Sile

Categorie: Eventi, News
0

È lunga circa 52 chilometri, corre lungo il fiume che bagna Treviso e sfocia nella Laguna di Venezia: la ciclovia del Sile è stata terminata e consentirà un percorso ciclabile sicuro per raggiungere il litorale.

Dopo anni di lavori è stato ultimato anche l’ultimo tratto della “Greenway del Sile”, il percorso ciclabile che dal centro di Treviso conduce alla costa costeggiando il corso del fiume veneto. Il 9 aprile è stato inaugurato – con una manifestazione organizzata dal Coordinamento FIAB del Veneto – anche l’ultimo tratto da Portegrandi a Caposile.

Riflessi sul Sile, foto di Davide e Paola.

Con la realizzazione di questo ultimo tratto di ciclovia, è ora possibile percorrere in totale sicurezza tutto il percorso da Treviso a Jesolo seguendo viali e strade immerse nella natura, esplorando un angolo di campagna veneta ancora immune da cemento e capannoni.

La pista prende il via da via Alzaia, a pochi passi dal centro cittadino, per poi iniziare un percorso dolce e curvilineo lungo le rive del corso d’acqua attraverso i comuni di Casier, Casale sul Sile, Quarto d’Altino, Trepalade e Portegrandi.

Da Portegrandi la pista segue l’andamento della Laguna fino a Caposile, dopodiché si giunge a Jesolo, dove la pista si biforca su strade urbane a basso scorrimento verso Lido di Jesolo in una direzione oppure verso Marina di Cavallino.

Tra la vegetazione rigogliosa e le anse del fiume, si attraversa anche il Cimitero dei burci, un sito in cui si trovano le antiche barche da lavoro in legno abbandonate, utilizzate sui corsi d’acqua veneti dal Medioevo alla seconda metà del 900.

I Burci abbandonati, foto di Arwen

L’ultimazione di questa infrastruttura va ad aggiungersi ai circa 5.500 chilometri di percorsi ciclabili presenti in Veneto, che ne fanno una delle regioni più pedalabili d’Italia.

In apertura: foto di Francesca Gallina.

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento