Alberi da record: il CASTAGNO, l’albero del pane | Trekking.it

Alberi da record: il CASTAGNO, l’albero del pane

Categorie: Italia, Reportage
0

Alberi straordinari protagonisti della vita sul nostro pianeta:
il CASTAGNO

L’affascinante mondo degli alberi che, onnipresenti nel nostro paesaggio, vengono spesso considerati la scenografia di fondo sul palcoscenico della Natura. Sono invece, come e anzi più di qualsiasi altro soggetto, testimoni della storia del mondo. Molti di loro da secoli, qualcuno più di mille anni, osservano le vicende della vita, registrando eventi climatici e modificazioni, lente e repentine, del tempo sui nostri territori.

Andare alla scoperta dell’ambiente naturale seguendo il filo conduttore dei grandi alberi che osservano, apparentemente immobili ma vivi, la realtà che si modifica, a volte dando l’impressione di essere invulnerabili è un’esperienza affascinante. E se sappiamo ascoltarne la storie, concrete e reali, possiamo imparare molte più cose di quello che i nostri occhi e la nostra fantasia riescono a vedere.

Il castagno era simbolo di una vita di stenti e povertà, testimone di riti e abitudini che cadenzavano la quotidianità della gente delle nostre montagne. Una cultura che appartiene al passato, ma che rivive nei nostri boschi attraverso i seccherecci, le antiche mulattiere, i mulini e gli strumenti della tradizione, gelosamente preservati nel corso del tempo.

Il lavoro dell’uomo nel castagneto coinvolgeva tutta la famiglia e richiedeva un impegno costante per seguire ogni singola fase del ciclo di vita delle piante e per sfruttare al meglio i preziosi doni che l’albero era in grado di offrire all’uomo. Rituali antichi, fatica e lavoro, rispetto dei delicati equilibri ambientali e segreti che i contadini hanno lasciato in dono a questa pianta con fiducia e riconoscenza.

Oggi il castagneto, invita gli escursionisti a percorrere sentieri ombrosi e freschi, ammirando i tronchi contorti e scavati dal tempo, e a ristabilire un contatto con “l’albero del pane” e con il suo habitat, distribuito sia sulle Alpi che sugli Appennini, a quote comprese tra i 300 e i 1000 metri.

La pattona con castagne : chi visita la Lunigiana troverà un ambiente incontaminato con piccole produzioni di grande qualità che meritano la nostra attenzione. Salvaguardiamo i prodoti e il loro territorio di origine (Ph Enrico Bottino)

La pattona con castagne : chi visita la Lunigiana troverà un ambiente incontaminato con piccole produzioni di grande qualità che meritano la nostra attenzione. Salvaguardiamo i prodoti e il loro territorio di origine (Ph Enrico Bottino)

In Irpinia, nell’alta Valle del Calore e del Sabato, patria della castagna di Montella, si coltiva una speciale variante che è stata riconosciuta prodotto DOP. Ma anche in Garfagnana sin dai tempi dei Romani il castagno aveva una grande importanza. Oggi la farina di castagno, di Neccio, ha avuto il riconoscimento del marchio DOP.

In Piemonte, nella zona delle Rocche del Roero, terra di vini e eccellenze, si può percorrere il sentiero della Castagna Granda. Spingendoci più a nord, un altro itinerario dedicata a questo frutto del sottobosco è il sentiero delle castagne che da Bressanone conduce a Bolzano, alla scoperta di gusti e scenari tipici della cultura altoatesina. In Calabria, nella Sila Grande, da non perdere i Giganti di Cozzo del Pesco: si tratta di 102 castagni monumentali, talmente grossi che alcuni hanno una circonferenza alla base di ben 12,81 metri, in linea retta con un palazzo di 4 piani.

Alberi da record: il Castagno dei Cento Cavalli

A Sant’Alfio si trova uno degli alberi più vecchi del mondo, probabilmente il più antico d’Europa, ammirato da personaggi illustri e studiato da diversi botanici, concordi nel datarlo dai due ai quattro mila anni di vita.

Il castagno, grazie alle sue dimensioni e il vasto fogliame, secondo una leggenda probabilmente frutto della fantasia popolare, riparò dalla pioggia una regina (forse Giovanna d’Angiò) e il suo seguito di cento cavalieri. Questa cupolifera misura 22 metri di altezza e circa 22 metri di circonferenza del tronco, seppure sia oggi costituito da tre fusti, rispettivamente di 13,20 e 21 metri.

 

Castagno dei Cento Cavalli, Jean-Pierre Houël ca. 1777.

Castagno dei Cento Cavalli, Jean-Pierre Houël ca. 1777.

 

ALBERI DA RECORD, gli articoli correlati:

Alberi da record: l’ABETE, l’albero del cuore

Alberi da record: il LARICE, la forza e l’eleganza

Alberi da record: l’eleganza del FAGGIO

Alberi da record: LECCIO abbraccio mediterraneo

Alberi da record: i mille volti del PINO

Alberi da record: la SUGHERA, dono della natura

 

Testo di Enrico Bottino

A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento