Apuane, le montagne del marmo e di Michelangelo | Trekking.it

Apuane, le montagne del marmo e di Michelangelo

Categorie: Italia, Reportage
0
Camminando sulle Apuane

PARCO ALPI APUANE, I SENTIERI DEL MARMO 

Splendente è l’aggettivo abituale per le Alpi dove i ghiacci al tramonto riflettono la luce rosata degli ultimi raggi del sole; per le Apuane, invece, un frammento di Alpi che per un bizzarro scherzo della natura si sono ritrovate quasi affacciate al mare, è un fatto perlomeno insolito!

Se non è neve quale magia le rende così luminose?

I sentieri delle cave

I sentieri delle cave

Oggi è semplice dare una risposta scientifica: le Apuane sono enormi bancate di rocce carbonatiche (calcari e dolomie), originatesi in fondo al mare che, emerse per effetto di complessi sconvolgimenti geologici, si sono trasformate in marmi purissimi, proiettati verso il cielo fin quasi a 2000 m.!

Ma le Apuane prima ancora che per i marmi, furono sfruttate per la varietà di minerali contenuti nelle loro rocce, che le resero importanti fin dalla preistoria.

Gli Apuani-Liguri conoscevano le miniere di Cinabro nei pressi di Levigliani (qui sono state rinvenute necropoli risalenti al III e II secolo a.C.), le stesse ora dismesse, dove anche i Medici estrassero cinabro e mercurio. Alla nobile famiglia fiorentina si deve l’utilizzo delle cave di Ruosina e Gallena, dove si trovava argento, forse lo stesso che servì a Cellini per la sua splendida saliera!

Michelangelo amava la scultura su tutte le arti. La sua balia era figlia e moglie di scalpellini e lui sosteneva scherzosamente di essere stato nutrito "con latte impastato con la polvere di marmo"

Michelangelo amava la scultura su tutte le arti. La sua balia era figlia e moglie di scalpellini e lui sosteneva scherzosamente di essere stato nutrito “con latte impastato con la polvere di marmo”

Salendo verso Levigliani, la strada offre scorci della valle del Serra, in cui giganteschi mezzi meccanici appaiono come minuscole formiche intente a spostare briciole di pane, ed invece staccano enormi blocchi di marmo. Là sono le cave di “Trambiserra” e della “Cappella”, dove si trova il prezioso “statuario”, il marmo compatto e bianchissimo che, come dice il nome stesso, serviva a produrre opere immortali (si dice forse anche la “Pietà”!).

La Pietà di Michelangelo, scolpita probabilmente nel pregiato marmo delle cave di Trambiserra e della Cappella

La Pietà di Michelangelo, scolpita probabilmente nel pregiato marmo delle cave di Trambiserra e della Cappella

Lo sfruttamento delle risorse minerarie delle Apuane, già attuato nel Medioevo, raggiunse l’apice nel ‘500 con i Medici che portarono anche il ferro dell’Elba alle fucine situate nelle valli interne, per sfruttare i boschi di castagno e la forza idraulica dei torrenti.

Ebbe così inizio lo sfruttamento dei pregiatissimi marmi con i quali impreziosire Firenze.
Michelangelo stava lavorando alla tomba di Papa Giulio II, quando fu invitato dal nuovo Papa a sospendere l’opera per procurarsi il marmo necessario a realizzare le colonne della facciata di S. Lorenzo a Firenze.

La mappa del Geoparco delle Alpi Apuane

La mappa del Geoparco delle Alpi Apuane

Per il progetto occorreva il marmo “statuario” presente nei bellissimi banchi all’Altissimo.

Michelangelo penò non poco tra il 1518 e il 1520 per esaudire i desideri del Pontefice: arrivare all’Altissimo era impresa inattuabile, non c’erano strade, e il progetto fu abbandonato.

Negli anni di permanenza a Seravezza realizzò il portico (ora scomparso) ed il Rosone detto “Occhio di Michelangelo” alla Cappella.

La Pieve di San Martino, con il rosone noto come l'Occhio di Michelangelo

La Pieve di San Martino, con il rosone noto come l’Occhio di Michelangelo

Oggi, accanto alla Chiesa, un angelo scolpito nel marmo porta sulle ali le anime dei cavatori, monumento a tutti gli uomini ignoti che hanno pagato con la vita il duro lavoro dell’estrazione del marmo.

CONTATTI UTILI:

Parco Alpi Apuane: tel. 0584.757631

GEOPARCOtel. 0584.757325/756144

 

 

Potrebbe interessarti anche:

  • Storie di passi, di Alpi e AppenniniStorie di passi, di Alpi e AppenniniSotto ai cieli tersi d’alta montagna, dove il vento spazza i valichi in mezzo alle cime, hanno sempre viaggiato oggetti, idee, genti, parole. In […]
  • Camminare sul MareÈ autunno, tempo di camminare in riva al mare In un’atmosfera tipicamente mediterranea, ci lasciamo alle spalle i sentieri dell’Appennino, antiche […]
  • L’Anello del RinascimentoUn itinerario storico-artistico unico, pensato per rivivere i fasti del Rinascimento in quei borghi e paesi che, satelliti di Firenze, non mancarono […]
  • Sardegna: dal golfo di Orosei alla penisola del SinisSardegna: dal golfo di Orosei alla penisola del SinisSecondo gli stereotipi del turista medio la Sardegna, dall’incommensurabile patrimonio ambientale e archeologico, si identifica nel mare, nelle […]

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento