Costiera Amalfitana: escursioni alla scoperta della grande bellezza | Trekking.it

Costiera Amalfitana: escursioni alla scoperta della grande bellezza

0

Percorrendo d’estate la Costiera Amalfitana, uno dei tratti più affascinanti tra gli oltre 7500 chilometri dello sviluppo costiero italiano, magnifica nelle sue peculiarità naturalistiche e per i segni che da sempre l’uomo vi ha lasciato, è fin troppo facile provare genuina invidia per gli avventurosi viaggiatori romantici dell’Ottocento.

Molti di loro, scendendo dalle regioni del nord Europa alla scoperta del “Grand Tour d’Italia”, arrivati in questi territori sospesi tra cielo e mare non riuscivano più ad andarsene, contribuendo ad alimentare la leggenda e le suggestioni di questo paradiso naturale, scosceso e selvaggio, che si tuffa nel blu cobalto del Tirreno.

Anche grazie a questo sviluppo turistico, poco più di un secolo fa ebbe inizio la costruzione della strada costiera, che affrancò da un isolamento millenario gli antichi borghi marinari che da Salerno a Napoli vivono arrampicati alle rocce della penisola dei Monti Lattari.

Quella strada, però, pensata e realizzata per cavalli e carrozze, non si adatta certo al moderno traffico e l’invidia per quei primi, fortunati scopritori di questi panorami, si scatena se si ha la sventura di trovarsi in uno dei quotidiani ingorghi che, per almeno sei mesi all’anno, paralizzano le tortuose stradine del promontorio.

Eppure esiste un momento in cui tempi e modi del viaggiare di quei fortunati si possono rivivere nella realtà di oggi: nel tardo autunno, ma anche in pieno inverno nelle giornate limpide e tiepide che il Meridione sa regalare, e soprattutto a inizio primavera, percorrere i sentieri che serpeggiano tra i valloni impervi, ben al di sopra del confine blu del mare, è un salto indietro nel tempo, a quando le giornate erano scandite dall’incedere lento e costante del mulo, autentica “macchina da trasporto”sui sentieri che collegavano borghi e frazioni della Costiera Amalfitana.

Anima di mare, anima di montagna

Al centro del Mediterraneo, lungo il litorale campano, la dorsale rocciosa dei monti Lattari crea un selvaggio promontorio montuoso che si tuffa nel Tirreno e divide due tra le più belle coste di tutto il “Mare Nostrum”, con straordinari paesaggi verticali caratterizzati da una natura forse unica al mondo.

Una terra dove Oriente e Occidente si sono incontrati e scontrati, lasciando preziose testimonianze di stili, architetture, decorazioni, culture; etruschi, greci, arabi, siculi, normanni, francesi, spagnoli, che si sono contesi queste terre, si ritrovano, confusi, mischiati, nei dettagli di chiostri e campanili, nelle case cubiche tinte di bianco, nei vicoli pulsanti di vita marinara e di anima montanara.

Infiniti i fatti, gli spunti e gli aneddoti che possono venir fuori dai semplici racconti di qualche anziano pescatore che è ancora possibile incontrare mentre, dopo la pesca, rammenda le reti sulle piccole spiagge del promontorio.

Da questi racconti prendono vita storie sicuramente sconosciute a quei tanti turisti che dedicano solo una fugace visita a questi straordinari luoghi. Gli uomini di questa terra, abili navigatori le cui gesta leggendarie sono giunte fino a noi cariche di emozioni, fin dall’antichità erano in possesso delle più sofisticate tecniche dell’andar per mari sospinti dai venti.

Esperti maestri d’ascia con una tradizione cantieristica tra le più forti del passato e provetti tecnici d’ingegneria contadina applicata allo sfruttamento delle verticalità dei terreni “sospesi”; artisti completi e creatori di forme (con le ceramiche e le maioliche) e astuti commerciati di sete, spezie e velluti che portavano lungo le rotte di tutti i mari esplorati; abili imprenditori ed instancabili lavoratori con le famose produzioni artigiane della carta e delle paste alimentari.

Un mondo isolato

A parte l’ampia e fortunatissima parentesi del granducato medioevale e della famosa Repubblica Marinara con l’istituzione dell’Ordine degli Ospedalieri a Gerusalemme (divenuto, più tardi, Ordine dei Cavalieri di Malta) e il codice di commercio e di navigazione formulato dalle Tabulæ Amalfitanæ, la costa e il suo entroterra vissero per lunghi secoli nell’isolamento più assoluto, tagliati fuori da ogni collegamento sia per mare che per terra.

Solo agli albori dell’epoca dei lumi (tra XVII e XVIII secolo) questi luoghi aspri e misteriosi, lontani e difficilmente accessibili, cominciarono a destare l’interesse dei più arditi viaggiatori del tempo (artisti, poeti, narratori, geografi, musicisti) i quali, alla scoperta della solitudine a tutti i costi e all’incontro con se stessi, viste le straordinarie meraviglie che potevano toccare con mano, cominciarono a privilegiare i paesaggi aspri e inviolati della costa d’Amalfi.

Gli abitanti di queste terre, molto prima dell’avvento del turismo, si sono adattati a saper fare tutto; un po’ per necessità, molto per abilità. Il mare davanti, con le sue ricchezza ma anche con le sue insidie; una montagna, selvaggia e scoscesa, apparentemente inavvicinabile, alle spalle.

Questo connubio di anima marinara e contadina ha contribuito a formare uomini caparbi, che hanno saputo colonizzare gli orizzonti infiniti del Mediterraneo ma anche le rocce verticali del Monti Lattari, oggi mirabilmente “lavorati” da un sistema di terrazzamenti che danno uno dei limoni più pregiati del pianeta, e poi uva, olivi, ortaggi.

E subito sopra, nei magri altipiani racchiusi tra le creste rocciose, hanno sviluppato una zootecnia capace di dare anche pregiati formaggi; da qui il nome “Mons Lactarius” dei Romani.

Valli isolate ricche d’acqua, cascate e torrenti, con rocce a strapiombo e profondi baratri, non hanno scoraggiato gli abitanti della penisola, che nel corso dei secoli hanno sviluppato un’agricoltura intensiva e specializzata, ricavata dai tipici terrazzamenti, dove domina la coltivazione degli agrumi, alternati alla macchia e al bosco, alle vigne aggrappate alle rocce, agli olivi e ai fichi d’India in tutti i punti dove l’aspra roccia lo ha reso possibile.

Interessante la pratica del “vigneto con frutti”, tramandato da epoche antichissime, realizzato con tralci inizialmente appoggiati a sostegni “vivi”, naturali, quali mandorli e noci, poi affidati a lunghe pertiche (dall’ XI secolo in poi) e, successivamente, fatto crescere in altezza per mezzo di pergolati costruiti con pali in castagno (“puntilli” i verticali, “travierzi” e “curreturi” quelli incrociati orizzontalmente).

Tali sistemi evitano la monocoltura e consentono la coltivazione degli ortaggi nel terreno sottostante, che così assicura la copertura del fabbisogno alimentare alle famiglie contadine.

Le carte di Amalfi

Ma la costa amalfitana, oltre a tramandare i ricordi e i fasti della leggendaria Repubblica Marinara, e a conservare le sacre spoglie dell’Apostolo Andrea, è anche legata al ricordo della produzione artigianale della carta che qui risulta estremamente pregiata.

Questa attività proviene, con molta probabilità, dal “Paese dei Mandarini”, la Cina, che, intorno al I secolo a.C., per mezzo di scambi commerciali con le popolazioni arabe lungo le rotte carovaniere per via terra (Samarcanda) e via mare (bacino mediterraneo medio orientale), giunse con imprecisate vicissitudini fino in Europa.

In Italia, e particolarmente nel Mezzogiorno, si produceva la pergamena che venne ben presto affiancata dalla bambagina, nome derivante da El-Marubig, città araba ove si produceva questo tipo di carta, realizzato con l’impiego di stracci e cenci.

I sentieri della Costiera Amalfitana

Non c’è modo migliore per conoscere la storia millenaria e le affascinanti tradizioni della Costiera Amalfitana, che inoltrarsi lungo i sentieri che tagliano i costoni vista mare o si inoltrano nelle vallette ombrose fra il folto della macchia mediterranea.

Ecco alcune proposte selezionate per voi dal nostro Laboratorio del Camminare Offcinae Itineris:

IL SENTIERO DEGLI DEI

LA VIA MAESTRA DEI VILLAGGI

NELLA VALLE DEI MULINI

LA VIA DELLE CERAMICHE

 

Testo e foto di Michele Dalla Palma e Andrea Perciato

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento