Emozioni di carta: in cammino sui sentieri | Trekking.it

Emozioni di carta: in cammino sui sentieri

Categorie: Italia, Reportage
0

Un po’ di storia e un po’ di geografia. La passione per l’outdoor è anche questo. Forse soprattutto questo: vita vissuta e territorio vissuto.

I libri che presentiamo sono esempi sinceri di questa essenza dell’andar per monti e del raccontarlo. Uno nella patella dello zaino, l’altro sul comodino. Uno per guidare il cammino, l’altro per sognare nuovi sentieri. Scegliete voi quale! Le guide escursionistiche che presentiamo sono manuali per la messa in pratica della rivoluzionaria, inarrestabile e pacifica cultura del camminare!

 

GUIDA AI SENTIERI dell’alto Appennino modenese

Paolo Cervigni

il Sentiero Editore

256 pagine

Euro 24

Non c’è gran spazio per la poesia e le suggestioni nelle 250 e rotte pagine della guida all’Alto Appennino modenese di Paolo Cervigni. Però c’è la poetica del fare, o meglio, del camminare. Sono pagine fitte di descrizioni dettagliate, frutto della conoscenza e dell’amore per il territorio. Sono 87 itinerari a piedi dal Corno alle Scale al Cimone, di cui 53 percorribili anche a cavallo e in mountain-bike, e 9 trekking di più giorni. È una vita intera fra i monti modenesi che si fa traccia per altri appassionati. C’è più spirito nei gira a destra e gira a sinistra di uno cosi che in tanti altri paesaggi suggestivi e panorami mozzafiato…

 

 

 

 

 

 

 

 

PREALPI LOMBARDE

Matteo Bertolotti

Alpine Studio Editore, Lecco

476 pagine

Euro 25,00

Ultima uscita della prestigiosa collana Monti d’Italia del CAI, nella nuova e moderna formula realizzata da Andrea Gaddi, giovane e dinamico editore specializzato in temi legati alla montagna. Non deve trarre in inganno il termine “Prealpi”, che di “minore” rispetto alle grandi montagne hanno solo una quota appena inferiore, ma offrono una dimensione naturalistica e paesaggistica altrettanto straordinaria, e moltissime possibilità escursionistiche e alpinistiche. Sono ben 352 le vie perfettamente descritte con foto, schizzi e relazioni di un territorio che comprende le Prealpi bresciane, bergamasche, lecchesi e il Triangolo Lariano.

 

 

 

 

 

PASSEGGIATE E SAPORI IN VALLE D’AOSTA

Claudio Trova

Musumeci Editore

128 pagine

Euro 12,90

“Passeggiate e sapori in Valle d’Aosta” può essere un’utilissima guida per chi desidera approfondire le proprie conoscenze sui prodotti tipici della Valle d’Aosta, abbinando suggestive camminate alla scoperta delle prelibatezze del territorio.
Nel volume sono raccolti trenta itinerari di difficoltà variabile, dalle passeggiate elementari percorribili chiacchierando amabilmente, alle camminate adatte a tutti coloro che hanno un minimo allenamento; sono inoltre descritti alcuni itinerari escursionistici che richiedono qualche ora di cammino ed il superamento di buoni dislivelli: si tratta quindi di una collezione di camminate per tutti i gusti, che interessano tutto il territorio regionale, sviluppandosi su strade rurali o su antichi sentieri.

Ogni itinerario è accompagnato dalla descrizione di un prodotto tipico valdostano, dai più intimamente legati alle tradizioni più antiche a quelli di più recente introduzione, diventati tradizione per essere prodotti unicamente con materie prime e chilometri zero.

POLLINO IL PARADISO DELLE CIASPOLE

Adalberto Carraro e Luigi Poerio

Zaccara Editore

120 pagine

Euro 10,00

È una scommessa sul futuro turistico del territorio questo nuovo volume, firmato da due esperte guide ufficiali del Parco, ma è anche la conferma, maturata in dieci anni di “lavoro sul campo” da parte dei due autori, delle potenzialità offerte dal territorio. Ciaspolare fra queste montagne significa immergersi nella magia bianca della neve mediterranea, spiare i segni degli animali che popolano un’area di natura ancora selvaggia ed essere certi che basteranno poi pochi fiocchi di neve e qualche sbuffo di vento per cancellare per sempre le tracce del nostro passaggio sui sentieri del paradiso… Ogni itinerario del volume è presentato con una dettagliata descrizione testuale, un’utile scheda tecnica e una mappa con l’andamento del percorso. La seconda parte della guidaè dedicata agli animali del Parco, alle loro abitudini e alle tracce che ne possono rivelare la presenza.

 

 

VIAGGIO LENTO NEL SALENTO

Emanuela Rossi

Andrea Pacilli Editore

111 pagine

Euro 13,00

Emanuela Rossi, guida escursionistica professionista del gruppo Avanguardie, in “Viaggio lento nel Salento” ci racconta le tante sorprese che questa terra può riservare. Le Tavole di San Giuseppe, mense imbandite nel Salento seguendo un’antica tradizione, sono al centro di questo piccolo ma prezioso libro. La stagione è quella giusta per un richiamo alle tradizioni e alla natura che ci riporta all’ordine, ci rimette in sesto!Mare e torri, dolmen e pietrentte, ulivi e sapori, storie e culti: a passo lento tra Otranto e il suo entroterra lungo la parte più magica e misteriosa della penisola salentina.
Viaggio lento nel Salento – A piedi in Terra d’Otranto è il diario di un viaggio a piedi alla scoperta di un territorio dal grande fascino, in occasione delle “Tavole di San Giuseppe”, festa tradizionale durante la quale si imbandiscono tavole in onore del santo e si aprono le case a tutti i viandanti.

È il Salento profondo, forse anche quello meno raccontato, di grande suggestione e di grande ricchezza cultuale e gastronomica. “Un viaggio a piedi è una piccola avventura tra i propri pensieri e i paesaggi che si attraversano”, precisa Emanuela Rossi.
Otranto, l’affascinante faro di Punta Palascia, il punto più orientale d’Italia, e poi Porto Badisco, Minervino di Lecce, Giurdignano e nel mezzo gli splendidi paesaggi costieri e della campagna salentina! Le pagine dell’autrice hanno una freschezza che coinvolge il lettore e certamente lo persuade a desiderare di provare l’esperienza reale di un’immersione tra i paesaggi, i profumi e i sapori che il libro racconta.

Rubrica a cura di Michele Dalla Palma

 

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento