La Palma, Canarie. Lo spettacolo unico del cielo notturno!

Canarie, Isola La Palma: è pieno di stelle quassù…

Categorie: Estero
2

L’Isola La Palma, fa parte dell’arcipelago delle Canarie

Lo stupore dell’astronauta di 2001 odissea nello spazio si ripropone ogni volta che ci rivolgiamo ad un limpido cielo notturno. Soprattutto se si tratta di un cielo eccezionale, soprattutto se il cielo è quello di La Palma nelle Canarie.

Fotografare di notte. Un’attività che ci mette alla prova sovvertendo prospettive, paesaggi e possibilità di scatto.

Una notte con il plenilunio, o al contrario senza luna, ma illuminata dalle stelle ci regala momenti suggestivi che il fotografo desidera portare a casa.

Specchi d’acqua, creste, chiome di alberi, bagliori di un rifugio e naturalmente il cielo sono solo alcuni dei soggetti su cui ci possiamo concentrare durante le nostre sortite notturne.

Fare una escursione dopo il tramonto sembra diventare una proposta fissa nei calendari di guide professioniste, associazioni e enti per il turismo. In alcune località la quota bassa e la latitudine rendono gradevole uscire nelle ore più fresche; in altre stagioni, d’inverno e in quota, può essere la ciaspolata al chiarore riflesso della luna a rendere magico il paesaggio.

Alla ricerca della luce

E poi c’è lo spettacolo delle stelle cadenti nella notte di San Lorenzo, da gustare in ambienti lontani dai centri abitati e dall’inquinamento luminoso.

E la camminata nelle ore che precedono il mattino, nel silenzio più totale per godersi le ultime apparizioni delle creature notturne e naturalmente l’alba. In ogni caso vi meraviglierete di quante deboli luci l’occhio assuefatto possa cogliere: solo nei cunicoli di una miniera, si dice, esiste il Buio Assoluto.

Un percorso semplice, meglio se già conosciuto, una torcia frontale per ogni evenienza, abbigliamento adeguato, un thermos caldo da condividere, un cavalletto e una reflex: questi gli ingredienti per un’avventura nuova che affina i sensi e le percezioni.

Cielo stellato sopra La Palma

Se non siete Canari o astrofili, probabilmente non siete a conoscenza delle eccezionali condizioni del cielo di La Palma.

Una straordinaria nitidezza, la mancanza di nuvole per gran parte dell’anno e l’assenza di inquinamento luminoso rendono la cresta del Taburiente un luogo ideale per l’osservazione degli astri.

Per questo motivo l’istituto di Astrofisica delle Canarie ha situato sul Roque de los Muchachos il suo Osservatorio, ospitante telescopi di diversi paesi europei.

Il Roque Idafe

Una strada asfaltata percorre la cresta del grande cratere e ci porta velocemente in quota. La nostra idea, mentre percorriamo al pomeriggio inoltrato la strada degli osservatori, è quella di arrivare sul crinale, mettere in posa l’attrezzatura fotografica e aspettare.

Dopo qualche inconveniente con i cancelli di alcune strade che a una certa ora si chiudono, troviamo un punto adatto presso il mirador di Los Andenes.

Da qui risaliamo a piedi, zaino in spalla, un sentierino che, tra bassi cespugli e affioramenti rocciosi, ci porta in cresta. Facciamo attenzione a dove posiamo le nostre cose: tra poco con l’oscurità sarebbe facile perderle di vista.

Preparata l’attrezzatura ci possiamo gustare la luce del tramonto che rende, se possibile, ancora più colorate le creste del Taburiente. Il cono d’ombra della cresta si allunga sull’oceano poi il sole tramonta e c’è un lasso di tempo interminabile prima dell’oscurità.

A poco a poco la volta sopra di noi si accende di migliaia di puntini luminosi. Aspettiamo ancora, i punti diventano milioni: uno spettacolo davvero mai visto, una densità incredibile di stelle e la Via Lattea, chiara come non si potrebbe immaginare. Click: iniziano gli scatti.

La Palma By Day

Anche di giorno l’ambiente naturale di La Palma offre innumerevoli occasioni fotografiche per chi percorre a piedi questi luoghi con la reflex a tracolla.

I bordi della grande caldera del Taburiente con i loro colori accesi sono in grado di regalare forti sensazioni al fotografo paesaggista.

Gole selvagge dall’aspetto subtropicale scendono verso l’oceano passando dalla nebbiosa bellezza del bosco di sempreverdi ai vertiginosi dirupi che si trovano presso le coste.

La Cumbre , la catena che percorre da nord a sud l’isola, è un susseguirsi di coni vulcanici dove possiamo fotografare il verde acceso del pino canario.

L’ultima eruzione del 1971 ha modificato la geografia della costa meridionale.

Al centro visite del Volcan San Antoni,oltre a imparare qualcosa di più sul recente evento e sulla geologia di La Palma, potrete infine fotografare i tentativi di ricolonizzazione delle colate laviche da parte della vegetazione: una lotta infinita tra il verde e la pomice sullo sfondo blu dell’Atlantico.

Approfondimento: Fotografare la Via Lattea

Le spettacolari immagini del cielo notturno con la Via Lattea che si vedono di tanto in tanto sulle riviste di fotografia non sono così difficili da ottenere come sembra.

Condizione obbligatoria per questo tipo di scatto è la scelta di una notte senza luna e senza le luci della civiltà.

Tenerife e La Palma, con il loro cielo costantemente nitido al di sopra dei 2000 metri, offrono locations eccezionali per questo tipo di scatti ma anche alle nostre latitudini, ad esempio in alta montagna, si possono trovare condizioni simili.

Il periodo migliore per questo tipo di fotografia è l’estate, quando il nostro pianeta è rivolto nella notte verso il centro della galassia.

L’attrezzatura di base consiste in una fotocamera reflex, un obiettivo grandangolare luminoso (tra 14 e 24 mm) e un buon cavalletto. Impostate sia la reflex che l’obiettivo in modalità manuale e mettete a fuoco all’infinito controllando (se possibile) in live view la nitidezza dei puntini luminosi delle stelle.

Ora regolate gli ISO al valore più alto possibile (tra 1600 e 6400), aprite il diaframma tra f/1.4 e f/4, a seconda della bontà della vostra lente, e impostate un tempo di scatto di 15 secondi (potete arrivare fino a 30 secondi).

La cresta degli Osservatori con la Via Lattea

La cresta degli Osservatori con la Via Lattea

Non vi resta che trovare un’inquadratura interessante che comprenda, oltre alla Via Lattea, anche il profilo di qualche oggetto terrestre, bloccare il cavalletto e potete iniziare a scattare. In base ai primi risultati correggete le impostazioni fino a ottenere il risultato migliore.

Non preoccupatevi se la foto sembra poco contrastata, questo tipo di fotografia prevede un’importante fase di lavorazione successiva al computer. Tips and tricks.

Cercate di arrivare sul posto prima del buio in modo da trovare una sistemazione adeguata e una buona visuale.

Portate con voi una pila tascabile e fate attenzione a dove mettete gli oggetti: al buio è facilissimo perdere o dimenticare qualche accessorio. Scattate sempre nel formato RAW in modo da avere successivamente la più ampia gamma possibile di correzioni.

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

2 comments

  1. Renato 17 Aprile, 2019 at 17:10 Rispondi

    Ricordo il cielo di La Palma e ricordo ancor meglio quello incombente di El Hierro: magnifico, incombente, mai visto in vita nostra così. Ed è quello che, da quell’occasione, ci ha fatto regolarmente puntare gli occhi in alto ad ogni occasione.

    • Enrico Bottino 23 Aprile, 2019 at 17:36 Rispondi

      Buona sera Renato, la quasi totalità della popolazione del pianeta non è in grado di vedere bene le stelle a causa dell’inquinamento luminoso; la Via Lattea, riconosciuta dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, è invisibile al 60% degli europei e all’80% dei nord americani.
      In una location come quella che è oggetto dell’articolo la volta celeste è ancora più stellata e noi di TREKKING&Outdoor suggeriamo sempre di provare nuove esperienze, come, appunto, quella del trekking notturno: udito, tatto e olfatto sono i sensi che entrano in gioco quando arriva la sera. Per vivere un’esperienza nell’oscurità basterà iniziare a camminare mezz’ora dopo il tramonto, quindi verso le 21:30 a giugno e luglio, oppure verso le ore 19:00 tra gennaio e febbraio. Se poi ci si trova in ambienti lontani dalla civiltà e dall’inquinamento luminoso, come La Palma… il gioco è fatto 😉

Lascia un tuo commento