Sui sentieri della Biodiversità: la MARMOTTA, attenta sentinella | Trekking.it

Sui sentieri della Biodiversità: la MARMOTTA, attenta sentinella

Categorie: Italia
0

Italia da record! Sia per i siti Patrimonio dell’Umanità (51 rispetto ai 44 della Spagna o i 40 della Francia) che per l’alto tasso di biodiversità: siamo infatti il Paese del vecchio continente con la maggiore varietà di specie viventi.

Nonostante la nostra superficie copra solo 1 / 30 di quella dell’Europa, l’Italia annovera il 30% delle specie animali e addirittura il 50% di quelle vegetali presenti sulle terre emerse. E alcune delle 118 specie di mammiferi italiani trovano il loro habitat migliore nei 24 Parchi Nazionalie 134 Parchi Regionali, una di queste è la marmotta, una vita che si divide tra i lunghi inverni passati in letargo e i giochi trascorsi durante la bella stagione. Ad aprile di ogni anno il simpatico roditore fa capolino dalla sua tana e si appresta a vivere una nuova stagione, fino a settembre-ottobre per mettere in atto un vero miracolo fisiologico: si addormenta pressoché ininterrottamente per circa sei mesi. La temperatura corporea si abbassa fino a 5 gradi dai 35 normali e il cuore rallenta da 110 a 15 battiti. Anche durante il sonno profondo le marmotte non smettono di essere animali sociali: piccole famiglie di roditori al completo si scaldano nella tana, facilitando il mantenimento di una temperatura corporea costante.

L’altro elemento fondamentale nella vita di questi animali è proprio la tana, il luogo intorno al quale si svolge la loro esistenza. Viene faticosamente e abilmente costruita con i lunghi artigli ed è diversa a seconda della stagione: una per il profondo sonno invernale, con una lunga galleria che accede ad un vano dove ha riposto le riserve d’erba, e una per la stagione buona, poco profonda e con molte uscite che rappresentano vie di fuga sicure quando all’aperto la marmotta si sente minacciata dai predatori. Giocare si, cibarsi pure, ma con giudizio: la marmotta è sempre all’erta e quando vede una sagoma scura stagliarsi nel cielo sa che è giunto il momento di riparare in qualche tana. Zuffe e inseguimenti lasciano il posto al grido d’allarme per eludere l’aquila che volteggia in cerca della preda, pronta a distendere i suoi artigli sul piccolo ma non sprovveduto roditore.

Noi la amiamo così: ritta sulle zampe posteriori, nella posizione a candela, mentre ci scruta con sospetto e curiosità, finché, dubbiosa sulle nostre intenzioni, decide di rifugiarsi dopo aver allertato le compagne emettendo un grido d’allarme simile a un fischio. Tutte giù per terra, nelle tane, intanto ci sarà tempo per tornare a giocare al sole. In attesa del prossimo lungo inverno.

Marmotte, simpatiche sentinelle del Parco - Archivio Agora

Marmotte, simpatiche sentinelle del Parco – Archivio Agora

Dove trovare la marmotta

Questo roditore di medie dimensioni è presente con una buona densità in tutto l’arco alpino, è facile avvistarlo nel Parco Nazionale delle Stelvio grazie anche al caratteristico ed acutissimo fischio che emette quando è impaurito. Questo piccolo mammifero è diffuso anche nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, dove dal 2006 è attivo un programma di ricerca a lungo termine sulla marmotta alpina. Dalla metà di aprile la Marmota marmota è una specie facilmente osservabile su tutte le praterie subalpine e le pietraie assolate del Parco Naturale delle Alpi Marittime. Anche nelle Valli di Lanzo non è inusuale incontrare stambecchi, in tarda primavera, e ovviamente marmotte, in particolare lungo i pascoli che circondano l’Alpe della Rossa. L’Oasi Faunistica di Macugnaga si sviluppa in alta Valle Anzasca, laddove i versanti vallivi cominciano ad innalzarsi verso le vette del Rosa. Nata in primis per tutelare gli stambecchi, ha tra i suoi ospiti anche le marmotte. Spostandoci più a oriente, il Parco dell’Adamello, che si estende sul versante sinistro della Val Camonica, conta numerosi esemplari di marmotta che vivono fino ai 2800 metri.

Testi di Enrico Bottino e Carlo Rocca

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

Enrico Bottino

Foto e testi, una armonia che libera la creatività sui sentieri della natura. Il trekking è una passione giovane che mi ha permesso di alimentarne un’altra, la fotografia, che oggi svolgo con entusiasmo e in modo professionale. Lavoro nella convinzione che non bisogna andare lontani per realizzare magnifiche fotografie: basta trascorrere una giornata nei boschi e ammirare i minuscoli particolari della natura; l’importante è cogliere l’attimo, solo così è possibile scattare istantanee che non si ripeteranno mai più. Un consiglio? Non tenete mai la digitale riposta nello zaino, portatela sempre a portata di mano. E non fermatevi mai, potreste scoprire che le parole sono complementari alle immagini, che al piacere di scattare foto sempre migliori può subentrare quello altrettanto bello di scrivere.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento