La via Francigena in Toscana: Da Siena verso la città eterna | Trekking.it

La via Francigena in Toscana: Da Siena verso la città eterna

Categorie: Italia, Reportage
0

Lasciare Siena per i viandanti francigeni significava avere già messo mezzo piede fuori dalla Toscana e cominciare a sognare il profilo della Città Eterna

Certo, c’erano ancora infiniti colli da passare, camminando nella polvere delle strade della Val d’Arbia e lungo le propaggini delle Crete Senesi, ma prima o poi i passi sarebbero arrivati a calpestare le pietre antichissime della Via Cassia, linea “diretta” (ovviamente secondo il criterio del tempo…) verso la capitale del mondo antico e della Cristianità.

Punto d’approdo fondamentale in questo tratto era l’abitato di Ponte d’Arbia, dove fece sosta anche il vescovo Sigerico. Per chi oggi percorre questo tratto del cammino è d’obbligo una visita al convento di Monte Oliveto Maggiore, col bellissimo chiostro affrescato e poi all’affascinante borgo di Buonconvento.

Da Ponte d’Arbia, sfiorando le colline di Montalcino, ai giorni nostri ricoperte dalle vigne da cui si produce il pregiato Brunello, la Francigena si immette finalmente nella Val d’Orcia.

La via risale la valle serpeggiando fra dolci e brulle colline fra olivi, vigneti e boschi di querce, in cerca dei passaggi meno faticosi per collegare i borghi, che qui mostrano intatto il loro profilo plurimillenario, riservano al visitatore dei nostri giorni anche meraviglie inattese, come gli Horti Leonini di San Quirico, bellissimo esempio di giardino all’italiana risalente alla fine del XVI secolo.

Le crete senesi, spettacolo della Val d'Orcia

Le crete senesi, spettacolo della Val d’Orcia

Altrettanto affascinante è l’attrazione che ha reso famoso Bagno Vignoni: la gigantesca vasca di acqua termale che, sin dal Cinquecento, occupa, nel centro del piccolo villaggio, lo spazio solitamente riservato alle piazze, creando un paesaggio urbano assolutamente unico e inimitabile.

Ormai giunti nel cuore della valle, dove i profili delle alture si fanno più erti e cominciano a lasciare il nome di colline per assumere quello di monti, si incontra Castiglione, lo scrigno d’arte della Val d’Orcia, con la splendida chiesa romanica di S. Maria Maddalena, la chiesa dei Santi Stefano e Degna – che custodisce preziose opere fra cui una “Madonna col Bambino” di Simone Martini e un’altra di Pietro Lorenzetti – e i ruderi della Rocca Aldobrandesca.

F_SIE pienzasanquiricoASSopra a tutto sta la mole del Monte Amiata, colonna d’Ercole che da secoli segna il confine e passaggio fra Toscana e Lazio. Quello di chi ha vissuto qui nei secoli passati è stato un destino fatto di conflitti e commistioni. Qui si sono scontrati gli interessi dei potenti e si sono incontrati i cammini, le vicende e le culture dei viandanti in transito sulla Francigena.

Il borgo di Radicofani sembra riassumere nella sua fisionomia questa duplice anima: in alto la possente Rocca, ancorata alla roccia del rilievo dalla forma quasi innaturale che sovrasta il paese; nel cuore del borgo il grande Ospizio, per secoli luogo d’accoglienza per migliaia di pellegrini, attorno monumenti e opere d’arte, testimonianza del benessere e della vitalità civile e culturale portati dal passaggio del percorso francigeno.

Crete Senesi near Pienza Tuscany Italy

I successivi chilometri lungo la Via Cassia sono ancora in terra toscana, ove si incontrano opere volute dai Medici di Firenze, come la grandiosa villa “La Posta”, costruita dall’architetto Buontalenti alla fine del Cinquecento su incarico di Ferdinando de’ Medici e si toccano villaggi dove l’accento che risuona è ancora quello della terra dantesca, ma il successivo punto di arrivo della Francigena – Acquapendente – già si affaccia sulle sponde del Lago di Bolsena, ormai ad una manciata di tappe dalla destinazione finale.

Leggi anche le tappe precedenti:

La via Francigena in Toscana: sulle orme di Sigerico (Parte 1)

La via Francigena in Toscana: sulle orme di Sigerico (Parte 2)

Testo di Serafino Ripamonti, foto di Enrico Bottino, Filippo Galluzzi, Archivio Toscana Promozione e APT Siena

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento