Viaggio in Lapponia: Universo di Ghiaccio | Trekking.it

Viaggio in Lapponia: Universo di Ghiaccio

Categorie: Estero, Reportage
0

In viaggio nella Lapponia Finlandese

I cani sono i migliori compagni per affrontare le spettacolari scenografie del Grande Nord artico, dove la neve e il freddo sono i padroni incontrastati di paesaggi che sembrano appartenere ad una fiaba

Le lame degli sci da fondo tagliano le lastre di ghiaccio, i respiri accompagnano le braccia. Il vento freddo è la cornice più adatta a questa straordinaria bellezza candida.

La temperatura oscilla tra -20° e -30°. Le piante coperte di neve, i larici sagomati e piegati dall’inverno lappone, sono gli unici protagonisti dello scenario che costeggia la pista verso Kolari.

Procediamo in silenzio, sperando di vedere uscire qualche renna dalla foresta silenziosa.

Il bianco può essere uno spazioso silenzio, un accumulo di colori rotanti veloci verso un unico soffio di quiete. Il ritmo dei respiri viene interrotto bruscamente dal guaire, latrare di 47 bellissimi cani.

Natura selvaggia, dura e incontaminata
Natura selvaggia, dura e incontaminata

Z06Z04

Una vita… coi cani!

Johanna vive in un bosco incantato nella natura, sincera e orgogliosa del suo mondo fatto di freddo e fiocchi di neve.

Ha lasciato un lavoro sicuro per dedicarsi alla sua grande passione: i cani da slitta.

Ora che ha raggiunto questo suo sogno, costruito inverno dopo inverno, con umiltà e spirito di sacrificio, viene ripagata dall’apprezzamento quotidiano per la natura.

Gli Huskyt (in finlandese si scrive così) sono cani da tiro, muscolosi e possenti. La loro eleganza e struttura li fa sembrare quasi dei “levrieri delle nevi”, ma il cranio arrotondato e un muso affilato tradisce la loro discendenza dai lupi.

Incantano gli occhi a mandorla, leggermente obliqui, che possono essere marroni, ambra, azzurri e etero cromi, cioè di due diversi colori.

La pelliccia dell’Huskyt presenta un doppio strato, folto alla base, come una vera e propria ciniglia o vellutino, mentre quello esterno è un po’ più lungo e meno serrato.

Questa meraviglia, tutt’altro che casuale, gli consente di avere una stupefacente protezione termica in grado di evitare il formarsi del ghiaccio sul pelo, che altrimenti porterebbe l’animale ad una morte certa per ipotermia.

Johanna conosce le dinamiche sociali e di branco di questi meravigliosi animali, carattere allegro e giocherellone ma dignitoso e orgoglioso, socievole con tutti, cani e persone. Più di ogni altra cosa, amano correre come il vento sulla neve.

Tuttavia possono essere cani testardi e indipendenti, pertanto quando vengono scelti per trainare le slitte – al massimo 8 per muta – devono essere fatte scelte logiche e molto attente.

Il Siberian Husky tende a trovarsi una sua allocazione all’interno della famiglia che lo sta adottando, poiché la valuta come fosse un branco.

Per tale motivo, l’animale si sottometterà solo a colui che riterrà essere il suo capo branco, mentre con gli altri componenti sarà meno “rispettoso”.

Per questi motivi bisogna educarlo in maniera ferma, ma estremamente gratificante, perché è molto intelligente e sensibile.

Articolo Lapponia
Gli Husky sono cani competitivi e gioiosi, veri atleti, che amano correre nelle distese di neve e competere tra loro, godendo appieno della natura in cui vivono

Correre e mangiare

Senza fare i conti in tasca a questa donna straordinaria, facciamo qualche valutazione: ogni cane durante l’inverno mangia giornalmente, mediamente e approssimando, mezzo chilo di carne di maiale (la renna fornisce una carne troppo asciutta e stopposa per il nutrimento dei cani).

Considerando che la Lapponia può costare un 50% in più rispetto alla capitale finlandese, già carissima per i nostri standard, i conti sono facili da fare riguardo all’impegno economico necessario per mantenere questi bellissimi animali.

Ma questa è la parte “facile”!

I cani da slitta sono dei veri e propri atleti, e tutti i giorni dell’anno devono correre ognuno circa un’ ora al giorno; considerando che il numero massimo per muta è 8 Husky, sia su neve che fuori stagione (con le slitte a rotelle) Johanna deve girare circa 6 ore al giorno più il tempo per la cura di ogni animale.

Z11Z11Cani e slitte

La slitta non è particolarmente difficile da condurre, bisogna solo imparare a spostare il corpo rimanendo sempre in equilibrio sugli sci.

Ha un pedale del freno come i vecchi slittini, un puntale blocca la corsa dei cani entrando perpendicolarmente, nel senso di marcia, nella neve.

I percorsi possono presentare insidie soprattutto con neve fresca o quando si affrontano curve strette, buche e fossi oppure se i cani pensano di trovare una scorciatoia… quasi sicuramente ti ritrovi nella neve profonda e puoi stare certo che i cani non si fermano, si possono attorcigliare nelle “imbracature” ma è quasi impossibile arrestare la loro corsa.

Johanna ha altri cani oltre gli Husky. Ne ricordo uno “supercoccolone”, felice di correre accanto alla slitta e accanto alla muta, ma lui non era un Husky.

Probabilmente nel correre mostrò dei cedimenti, rallentando il passo proprio quando era in testa alla carovana, e si ritrovò calpestato dagli altri Husky.

Ho frenato bruscamente per non investire la sfortunata bestia, ma nonostante il blocco della slitta gli Husky tiravano come forsennati, volevano ripartire, non capivano perché mi fossi fermato, loro vedevano solo il convoglio che ci precedeva e stava velocemente allontanandosi.

La sensazione più bella che lasciano questi cani, oltre alla velocità, è la foga, la voglia di vivere, di “superare le barriere”.

Un appassionato di trekking può comprendere fino in fondo questo desiderio di “correre verso l’infinito” con tutte le proprie risorse, di vivere la natura respirando e riempiendo gli occhi con questi orizzonti. In testa si mette il capo muta e le femmine, i maschi dietro corrono cercando di raggiungerle e abbaiano per farsi notare.

Il resto del “branco”, che possiede un forte senso della collettività, solitamente li segue.

Procedere in colonna spesso è la cosa più saggia se si viaggia in gruppi, mantenendo una buona distanza da chi precede.

Gli Husky sono talmente competitivi che se per qualsiasi ragione chi precede si ferma (alzando il braccio destro per segnalarlo), se non si è rapidi nel bloccare la propria slitta la muta “scavalcherebbe” quella ferma noncurante del danno che potrebbe creare.

In Lapponia la luce è uno degli elementi che più colpisce il viaggiatore, mutevole e stupefacente allo stesso tempo

Silenzi dell’anima

I lapponi sono notoriamente silenziosi e parlano molto poco, generalmente una conversazione può protrarsi a lungo apparentemente senza avere introdotto argomenti, tuttavia è sorprendente la profondità del loro pensiero, delle volte ti senti sprofondare come nella neve fresca perché tendenzialmente sono molto meditativi.

Sicuramente la “responsabilità” è di questo ambiente dal fascino assoluto.

La Lapponia induce una “patologia meditativa”: le piante sommerse dalla neve, il fenomeno diurno di albe e tramonti immediati, le aurore boreali, il silenzio assoluto assorbito dall’infinita coltre bianca, le ombre sfuggenti delle renne e degli alci tra la vegetazione, soddisfa talmente le sensazioni più profonde che la ripartenza sembra un buco, una voragine incolmabile.

E il silenzio e l’infinito diventano, una volta tornati alle nostre realtà, una struggente malinconia.

 

 

Lapponia “Fai da te”, informazioni per l’uso

Non è difficile, con i contatti giusti, organizzare una magnifica esperienza coi cani e le slitte nel cuore selvaggio della Lapponia.

  • Aeroporti a Helsinki e Tampere, internamente ci si può spostare con treni notturni con possibilità di caricare l’auto, oppure tanta pazienza e guidare verso Nord.
  • In loco si possono noleggiare auto equipaggiate con ruote termiche chiodate e motoslitte, sebbene consiglio vivamente di spostarsi con gli sci di fondo su percorsi paradisiaci.
  • Le case in affitto sono semplici, pulite e spesso comprendono attrezzatura per lo sci di fondo; alcune hanno sauna interna, perché senza sauna un finlandese non potrebbe vivere.
  • Abbigliamento ed equipaggiamento tecnico: Soprattutto le scarpe devono essere calde e impermeabili. La percezione del freddo con una buona attrezzatura tecnica non è affatto limitante o fastidiosa.
    Se tira vento indispensabile una maschera per gli occhi, tipo quelle che si usano per sciare La neve è spesso polverosa e con un po’ di vento si può perdere l’orientamento, soprattutto sopra i laghi ghiacciati; è consigliato un sistema di navigazione.
    Con il freddo le batterie (cellulari, macchine fotografiche e videocamere, etc) si scaricano, vanno tenute a contatto del corpo e tirate fuori solo durante l’uso. Si ghiacciano pure le meccaniche delle apparecchiature elettroniche e anche azionare i tasti del cellulare è un impresa.
  • Nei boschi: Il buio è profondo senza nessun riferimento per chilometri; pertanto pianificate bene uscita, tappa, tempi ed eventuali imprevisti, possibilmente comunicate le vostre coordinate al campo base o simili.
    È importante avere con se la borraccia termica dato che la semplice bottiglia d’acqua gela in poco tempo. Consiglio sempre barrette, frutta secca e cioccolato.
  • Nel fare sci di fondo o con i cani, attenzione a non percorrere le piste delle motoslitte, sebbene gli spazi siano immensi e le persone poche, può capitare di incontrare un mezzo sul percorso e un “incidente” a queste latitudini, non è consigliabile

Testo e Foto:
Claudio Assenza / Claudio Assenza, Marco Palumbo e Marco Poiani

Potrebbe interessarti anche:

  • FINLANDIA, nel regno dell’ORSOAlla scoperta del signore dei boschi Mauro lavora a Genova come ritrattista, Henri è un bretone in procinto di laurearsi in architettura ed […]
  • La "porta di ingresso" al Cammino dle Re, il KungsledenSvezia, Kungsleden: Il Sentiero del Re in LapponiaKungsleden: un percorso nel Nord della Svezia  Non bisogna per forza essere grandi esploratori per vivere le emozioni di un viaggio nella natura […]
  • Lapponia finlandese: i colori del biancoI sensi si affinano, nel Grande Nord Gli occhi, lontani dal brulichio delle città, riescono a cogliere nuove sfumature, nell’aria si percepisce un […]
  • Sulle nevi d’AppenninoSulle nevi d’Appennino Non sono posti per chi vuole andare a colpo sicuro Non sono montagne “da consumare” quelle che segnano la spina dorsale d’Italia e portano la voce […]

A proposito dell'autore

La Redazione

La Redazione di TREKKING&Outdoor è il gruppo di appassionati e professionisti che si occupa della cura dei contenuti di questo portale. Gli articoli e i contenuti che riportano la nostra firma sono frutto di un lavoro di squadra.

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento