Appennino Tosco-Emiliano: 7 itinerari tra storia e natura | Trekking.it

Appennino Tosco-Emiliano: 7 itinerari tra storia e natura

Categorie: Italia, Reportage
0

È il segmento che separa il Nord dal Centro, il taglio netto tra la Pianura Padana e il mare di colli della Toscana, la dorsale sempre verde e rigogliosa che custodisce borghi dove storia e tradizioni sono ben impresse sui muri delle case, scoloriti dal tempo e dalle intemperie.

È l’Appennino Settentrionale, quello che divide il grande bacino pianeggiante dell’Emilia Romagna dalle regioni del Centro, una terra di transito, a volte di confine tra due diverse tipologie di paesaggio, di dialetti, di tradizioni.

Non c’è luogo che non custodisca una storia curiosa, uno scorcio mozzafiato, una specialità da gustare, partendo dal punto in cui si incontrano Liguria, Toscana ed Emilia, e poi giù lungo le creste, fino alle vette dove già si sente in lontananza il chiasso delle spiagge romagnole e il profumo delle piade.

In mezzo, un universo di boschi, rocce, fauna e flora indisturbata, castagni e torrenti, parchi e riserve, da camminare in silenzio e con gli occhi pronti a catturare ogni stimolo.

1 – Appennino Parmense: il Trekking del Parco dei Cento Laghi

A cavallo tra Emilia e Toscana, lungo il crinale dell’Appennino parmense, si adagiano innumerevoli specchi d’acqua di origine glaciale.

Un trekking sul filo di cresta, tra faggete estreme e praterie d’alta quota, ci porta a visitare queste gemme dalle più diverse dimensioni, dal minuscolo lago Martini al grande lago Santo.

2 – Dal passo della Cisa a Pontremoli sulle tracce degli antichi pellegrini

Non solo escursioni giornaliere: da sempre l’Appennino Settentrionale è luogo di transito e commercio, passaggio obbligato verso l’ampio bacino padano per chi proviene dalle regioni del Centro e vice versa. Un nome su tutte le antiche strade della fede: Via Francigena.

3 – Dal Passo del Lagastello al Passo della Scalucchia

L’Appennino modenese e reggiano è una terra di confine, da sempre cerniera fisica e culturale tra la valle del Po e l’Italia mediterranea. Sono luoghi che nascondono una natura primordiale e borghi autentici, una cresta montuosa tagliata da strade e percorsi antichi.

Il Passo del Lagastrello è uno di questi, situato nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Il passo del Lagastrello (1.198 m) è un valico dell’Appennino Tosco-Emiliano che separa la Toscana (in Lunigiana) dall’Emilia-Romagna.

4 – Il passo del Cerreto

Un antico crocevia di importanza non soltanto ambientale, ma anche storica e culturale, posizionato proprio a cavallo tra Emilia Romagna, Liguria e Toscana.

Attraversarlo evoca ancora oggi il ricordo di mercanti e pellegrini che nei secoli si sono avventurati a un punto all’altro della penisola trovando un passaggio verso la propria destinazione.

Nei pressi di passo del Cerreto, Cerreto Laghi

5 – La Pietra di Bismantova

Sacra, quasi magica, paragonata da Dante al monte del Purgatorio, la Pietra di Bismantova rappresenta una meta ideale per avvicinarsi alla montagna più vera, quella protetta e tutelata dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, dove boschi selvaggi, creste rocciose, brughiere e praterie di alta quota si offrono a svariate pratiche outdoor.

Pietra di Bismantova, foto aerea
Ph Francesco Ferretti / Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano

6 – Monte Cusna, il gigante buono

Alto più di 2.000 metri, il Monte Cusna è la cima più alta dell’Appennino Reggiano. Qui le foreste di conifere e i boschi di faggio si alternano ad ampie praterie, mentre le acque scorrono lungo piccoli torrenti, alimentati soprattutto dal disgelo primaverile.

Il crinale della montagna forma il caratteristico profilo che ricorda quello di un uomo disteso, detto Uomo Morto o Gigante. Da quest’ultimo toponimo prende il nome l’area protetta dell’ex Parco del Gigante, ora parte del Parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

 

7 – Parco del Corno alle Scale: da Cavone al Lago di Pratignano 

Spostandoci progressivamente verso est, con l’Adriatico che pian piano si avvicina, incontriamo il Parco del Corno alle Scale. Dalla località di Cavone parte un percorso suggestivo che attraversa prima ricchi boschi, per poi inoltrarsi tra le praterie d’alta quota, dove le irte pareti rocciose la fanno da padrone.

Fiori di Crocus in primo piano e sullo sfondo il Corno alle Scale

 

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento