Cammina per vivere meglio e risparmiare soldi | Trekking.it

Cammina per vivere meglio e risparmiare soldi

Categorie: Salute e Benessere
1
Spesso le soluzioni ad alcuni problemi sono più semplici di quel che si può immaginare. Sono da poco passate le feste natalizie e molti di noi si trovano alle prese con la liste dei buoni propositi per l’anno nuovo. Alcuni sono più immediati altri invece hanno un orizzonte temporale decisamente più dilatato.

Iniziamo subito dalle conseguenze più immediate di pranzi, cene e cenoni natalizi. Quei chili di troppo che si affezionano tanto al nostro ventre e ai nostri fianchi per ricordarci quanto siano state belle le feste. Per molti, specie se reduci da periodi più o meno lunghi di inattività, scrivere in Agenda un appuntamento costante con la palestra potrebbe non risultare troppo agevole. 

Ma anche le montagne più alte si scalano facendo il primo metro. Ecco che la soluzione per contrastare un calo di forma fisica non si trova sopra un panca piana ma nei nostri piedi. Infatti uno dei modi migliori per rimanere in forma e perdere gradualmente peso è proprio quello di camminare con costanza, ogni giorno, percorrendo dei cammini nemmeno troppo lunghi, anzi decisamente alla portata di tutti.

3 chilometri al giorno posson bastare… anche per risparmiare

Diverse ricerche autorevoli affermano che  5000 passi al giorno possono bastare per recuperare gradualmente la forma fisica e per perdere i chili in eccesso, si tratta di circa 3 km quotidiani. Immaginiamo che quasi nessuno dei nostri lettori si stupisca leggendo dei benefici del camminare per il nostro organismo. Certo sarete molto più stupiti leggendo che camminando si possono anche risparmiare quasi 700 euro all’anno.

Si avete capito bene, non stiamo dando i numeri, trasformare il cammino in un’abitudine quotidiana non via aiuterà soltanto a tornare in forma ma vi consentirà anche di risparmiare un pò di denaro. Infatti trasformare il cammino in uno stile di vita significa trasformarle nel proprio mezzo di trasporto privilegiato, quindi trasformare gli spostamenti quotidiani in una occasione per fare due passi in più, anziché due passi in meno.

Per fortuna è sempre crescente il numero di persone che decide di camminare ogni giorno per andare a lavoro o fare le commissioni

Ecco allora che per andare in palestra o a fare la spesa si usano le proprie gambe, anziché la macchina o lo scooter. Piano piano poi si prende in considerazione l’idea di andare ala lavoro con i mezzi pubblici, anche se la fermata della metro o dell’autobus non è proprio sotto casa o sotto l’ufficio, si decide di andare a piedi. A quel punto, nell’ora di pausa pranzo, si deciderà di andare a fare un giretto a piedi per le vie del centro e magari mangiare qualcosa in un posto diverso dal solito bar sotto l’ufficio. 

Probabilmente, allora, vi troverete alla fine dell’anno a fare i conti con un avanzo positivo nei vostri bilanci familiari di 700 euro o più, se questa scelta l’hanno fatta più persone del vostro nucleo familiare. Come mai? Proviamo a spiegarlo!

I primi 400 euro sono direttamente legati al costo del carburante e alla manutenzione della vettura, perchè la vostra auto nel corso dei mesi sarà stata molto più tempo nel parcheggio che per strada, facendovi risparmiare un bel pò di pieni di benzina e magari anche un cambio gomme.

Come sappiamo bene una delle voci più gravose per il bilancio di Stato e Regioni è proprio la sanità, ed è proprio in questo settore che vanno a riversarsi le conseguenze di tutti quei cittadini che soffrono di patologie direttamente collegate ad uno stile di vita sedentario. Ecco che a questi 400 euro vanno aggiunti i 300 euro in tasse versate al sistema sanitario che servono a curare i proprio queste patologie. Questo calcolo non lo abbiamo realizzato noi ma un’organizzazione molto più precisa in queste operazione, so tratta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità  (OMS) che ha condotto uno studio riguardante gli stili di vita europei.

Roma Sud, pista ciclabile. Foto di Freeariello

Altri numeri sulle conseguenze della sedentarietà

La sedentarietà provoca 600 mila decessi l’anno in Europa e rappresenta una delle dieci cause principali di mortalità e disabilità nel mondo. Diabete, cardiopatie, ipertensione, cancro, osteoporosi sono le malattie croniche che colpiscono in massa gli italiani, legate proprio a stili di vita sbagliati. Sono circa 3,9 milioni i diabetici, 2 milioni e 250 mila vivono con una diagnosi di tumore

A rivelarlo è  il dottor Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG). Nemici spesso silenziosi sono le patologie cardiovascolari: basti pensare che l’ipertensione  provoca circa 240 mila morti l’anno ed è responsabile del 47% delle cardiopatie ischemiche e del 54% degli ictus cerebrali.

Camminare o pedalare ogni giorno è una misura efficace per tenere sotto controllo questo e gli altri fattori di rischio e permette di dimezzare il rischio di morte

afferma ancora il Dott. Cricelli.

Le ricerche scientifiche confermano gli effetti del cammino

Ormai sono molto numerosi gli studi, di alcuni abbiamo già trattato, che riconoscono l’utilità e i benfici del camminare anche per poche tempo ogni giorno. Questa attività, che dovrebbe essere naturale e radicata per l’uomo, aiuta a ridurre il livello di colesterolo “cattivo”, abbassa la pressione arteriosa, limita il rischio di diabete di tipo 2 e a tenere il peso nei limiti desiderabili.

Un’oretta di camminata a 5 km orari fa spendere fra le 100 e le 200 calorie e fa bruciare almeno 6 grammi di grasso. Ma i benefici non riguardano solo l’organismo ma anche la mente, perché camminare aiuta a contrastare e bilanciare gli ormoni dello stress prodotti nell’arco della giornata.

Ognuno col suo ritmo ognuno diverso

L’OMS consiglia di camminare almeno tre chilometri ogni giorno, si tratta ovviamente di una indicazione di massima che varia da persona a persona tenuto conto dell’età e dallo stato di salute. Possiamo dire che per un individuo al di sotto dei 65 anni e in buona salute, camminare, correre o andare in bicicletta per almeno 3 o 4 volte alla settimana per 45 minuti a seduta è un’ottima prevenzione contro le patologie più comuni dovute all’inattività.

Mentre per i soggetti in sovrappeso un vero toccasana è rappresentato dalla camminata veloce, che andrebbe fatta per 45 minuti almeno 4 volte la settimana. Gli specialisti della Mayo Clinic, l’ente no-profit statunitense più autorevole in tema di salute, pongono l’accento sul ritmo di camminata: infatti è opportuno ascoltare il proprio corpo, ovvero partire piano e con gradualità, se lo si fa per le prime volte e quindi si è poco allenati. Si può partire per esempio con passeggiate quotidiane da meno di 10 minuti, fino ad aumentare gradualmente fino ai 40 / 60 minuti quasi tutti i giorni.

di
Massimo Clementi

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

Massimo Clementi

Web Content Manager di Trekking.it. Social media, scrittura e contenuti sono il mio pane quotidiano. Appassionato di montagna, trekking e attività outdoor. Mi prendo cura ogni giorno dei contenuti di trekking.it, mi assicuro che siano di qualità e utili per chi li legge. Cerchiamo di prendere i migliori ingredienti dalla grande giungla di internet per "cucinare" articoli e approfondimenti che sappiano dare valore ai nostri lettori.

1 comment

Lascia un tuo commento