Camminare: 6 benefici per la salute | Trekking.it

Camminare: 6 benefici per la salute

Categorie: Salute e Benessere
0

Camminare fa bene, anzi benissimo, vediamo perchè…

Camminare tonifica i muscoli, rende creativi, sostituisce la palestra con molti più benefici, previene le malattie cardiovascolari e modifica in meglio il tono dell’umore.All’inizio forse dovrai fare uno sforzo per alzarti dalla poltrona.Ma stanne certo, quando inizierai a muoverti a piedi, non potrai farne più a meno.

Che siano le endorfine o semplicemente la bellezza della natura intorno, oppure semplicemente il senso di libertà, in ogni caso, non riuscirai a smettere.

E per fortuna.

Non c’è miglior vizio che quello di camminare.

 

 

  1. Fitness senza andare in palestra

Non hai voglia di andare in palestra? Non sopporti la Zumba? Se ti dicono Pilates ti viene l’orticaria?

Non vuoi comprarti una cyclette o quella che hai acquistato a sconto online fa rumori inaccettabili e i vicini hanno minacciato azioni legali?

Bene. Sappi che fare escursionismo equivale anche a fare fitness: migliora la forma fisica generale, rende il corpo più tonico.

Idealmente, dovresti fare un’escursione di almeno un’ora per bruciare circa 500 calorie.

Non occorre che la pendenza sia spaccagambe per avere benefici.

Anzi, se sei un trekker principiante non esagerare con la pendenza, potrebbe venirti voglia di smettere prima di aver cominciato a raccogliere i frutti benefici del camminare.

Ricorda: la cosa importante è camminare con regolarità.

Ed essendo camminare un piacere, non dovrebbe essere un ostacolo insormontabile.

 

2. Migliora il tono muscolare

Camminare regolarmente migliora il tono muscolare e la buona notizia è che il miglioramento avviene in ogni distretto corporeo.

Come vedi dall’illustrazione qui sopra, se cammini con regolarità tuoi quadricipiti, muscoli posteriori della coscia e glutei sono stimolati.

Inoltre, utilizzando le bacchette, anche la parte superiore del corpo totalmente coinvolta nell’esercizio muscolare.

Anche portare lo zaino, ovviamente a condizione di non caricarlo all’inverosimile, allenerà le fasce muscolari della schiena.

 

3. Aumenta la creatività

Fare trekking aumenta la creatività.

Molte ricerche dimostrano ormai che muoversi a piedi aiuta a trovare una soluzione creativa ai problemi.

Questo vale di sicuro quando sei in ufficio e non riesci a trovare il bandolo della matassa.

In quel caso alzarsi dalla scrivania e fare due passi aiuta a trovare una soluzione più rapidamente.

La scienza ha però dimostrato che l’effetto di potenziamento della creatività aumenta in misura maggiore dopo una camminata outdoor e soprattutto permane anche dopo che la camminata è finita.

Quindi se vuoi trovare soluzioni creative a problemi quotidiani o semplicemente vuoi trovare soluzioni, camminare è l’attività migliore.

 

4. Diminuisce la pressione arteriosa

Fonte: corriere.it

Camminare regolarmente riduce la pressione sanguigna e il colesterolo.

Come ben potrai capire, la conseguenza immediata è ridurre il rischio di malattie cardiovascolari anche gravi.

La riduzione della pressione avviene sia per il fatto in sé del camminare, sia strutturalmente in seguito alla perdita e al controllo del peso. Per ogni chilo perso infatti, la pressione diminuisce di circa 1 mmHg.

 

5. Controlla e previene il diabete

Il diabete è una delle malattie più diffuse nel mondo occidentale, legata fondamentale allo stile di vita sempre più frequentemente sedentario.

Camminare regolarmente può aiutarti a controllare il diabete e può aiutarti a prevenirlo se non ce l’hai.

Muoversi a piedi infatti diminuisce i valori di glucosio nel sangue e rende il camminare sia uno strumento di prevenzione per chi non ha questo problema, sia un’attività terapeutica per chi deve tenere sotto controllo il glucosio.

Una curiosità: secondo alcuni scienziati camminare in discesa comporta un maggior utilizzo di zuccheri che non camminare in salita.

 

6. Combatte la depressione e aumenta la felicità

Camminare fà star bene.

Il solo fatto di alzarsi dalla sedia e fare due passi all’aperto ti fa sentire meglio.

E non si tratta solo di un piccolo beneficio temporaneo.

Il benessere derivante dalla camminate perdura anche dopo la passeggiata e aiuta a sostenere l’umore anche quando è po’ giù.

Gli scienziati hanno dimostrato che camminare aiuta a prevenire la depressione e nel caso di disturbi dell’umore, ne agevola il superamento o la gestione.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

A proposito dell'autore

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento